Friday, March 06, 2009

5 film per viaggiare in Europa / 5 films pour voyager en Europe

Certi di voi l’hanno forse notato: il venerdì, parlo di cinema o di musica!

Vedere dei film, è bello. Viaggiare, è bello pure. Allora vedere dei film che fanno conoscere una città, un luogo, è il top! Con questa idea in mente, ho aperto il mio file Excel di cui il titolo è Elenco Film, perché sì, tutto ciò che possediamo è classificato dal mio marito che ha due passioni nella vita: Bob Dylan e il cinema. Mette le posate in spazzatura invece di metterle in lavastoviglie, ma non sbaglia mai nella Grande Classifica dove si possono trovare i film per categoria di paese, regista, anno, durata, ecc. Lo stesso vale per i DVD e le videocassette: un po’ di polvere è considerata come un nemico del sapere e del bene.

Per tornare ai nostri film turistici, ho pensato di chiedere al mio uomo cosa ne pensa. Entusiasta, mi ha citato abbastanza film per fare di questo post un concorrente molto serio di Wikipedia. Ne ho scelto cinque, tutti girati in città europee, mentre il mio uomo, disperato, mi supplicava inginocchiato di parlare anche degli altri, perché lo meritano, perché non si può vivere senza averli visto, e ha pure provato a rubarmi il mio computer per scrivere questo post al posto mio. Astuta, ho messo un disco di Bob Dylan, mio marito ha cominciato a cantare, e finalmente ho potuto scrivere tranquillamente. Come al solito, cliccate sul titolo per andare alla pagina Wikipedia e leggere il riassunto.

Certains d’entre vous l’ont peut-être remarqué : le vendredi, je parle de films ou de musique !

Voir des films, c’est bien. Voyager, c’est bien aussi. Alors voir des films qui font connaître une ville, un lieu, c’est le top ! Cette idée en tête, je suis allée sur mon fichier Excel dont le titre est Liste Films, parce que oui, tout ce que nous possédons est dûment répertorié par maridamour qui a deux passions dans la vie : Bob Dylan et le cinéma. Lui qui met volontiers une cuiller à la poubelle et le pot de yaourt dans le lave-vaisselle, il ne se trompe jamais dans le Grand Classement où l’on peut trouver les films par catégorie de pays, metteur en scène, année, durée, etc. Pareil pour les DVD ou les cassettes, la moindre petite poussière est vue comme un ennemi du savoir et du bien.

Pour revenir à nos films touristiques, j’ai eu le malheur de demander à Maridamour de me donner son avis, et enthousiaste, il m’a cité suffisamment de films pour que mon post d’aujourd’hui devienne un concurrent très sérieux de Wikipedia. J’en ai donc choisi cinq, tous tournés dans des villes européennes tandis que mon homme, désespéré, me suppliait à genoux de parler des autres aussi, parce qu’ils le méritent, qu’on ne peut pas vivre sans les avoir vu, et il a même essayé de me voler mon ordinateur pour écrire ce post à ma place. Rusée, j’ai mis du Bob Dylan, Maridamour s’est mis à chanter et je me suis emparée de mon ordinateur pour enfin écrire tranquillement ! Comme d’habitude, cliquez sur le titre pour accéder à la page Wikipedia où vous trouverez le résumé.

Lisbon Story, Wim Wenders, 1994: quando siamo andati in viaggio di nozze in Portogallo, di Lisbona conoscevo solo il film di Wenders che avevo visto anni prima, e le sue immagini mi hanno accompagnato per tutto il tempo trascorso in questa città così tanto affascinante. Il personaggio principale, Phillip, un ingegnere del suono, viene a trovare un suo amico che però è sparito, ma lo stesso l’appartamento è aperto. La musica occupa un ruolo centrale, fra il mestiere di Phillip e la musica del gruppo Madredeus. Un film nostalgico, però Lisbona non mi è sembrata così diversa.

Lisbon Story, Wim Wenders, 1994: quand nous sommes partis en voyage de noces au Portugal, je ne connaissais Lisbonne qu’à travers le film de Wenders que j’avais vu des années auparavant, et ces images m’ont suivi pendant les quelques jours passés dans cette ville tellement fascinante. Le personnage principal, un ingénieur du son allemand vient rejoindre un ami qui n’est pas chez lui. Pourtant l’appartement est ouvert. Les bruitages que le protagoniste fait pour les enfants et la musique du groupe Madredeus occupent une place centrale. Un film nostalgique, et pourtant Lisbonne ne m’a pas parue si différente.

In Bruges, Martin McDonagh, 2008 : ho visto questo film un giorno dopo avere visto Sogni e delitti di Woody Allen, e ho pensato che Colin Farrell si consacra a ruoli che riguardano problemi di coscienza. Il film merita il suo nome perché si tratta di una vera e propria visita di Bruges, senza che la trama sia trascurata. Il mio passaggio preferito? Il momento in cui Ray (Colin Farrell) e Chloë (Clémence Poésy) si confessano che lavoro fanno. Impossibile dirne di più senza raccontare la storia!

Bons baisers de Bruges, Martin McDonagh, 2008 : j’ai vu ce film le lendemain du Rêve de Cassandre de Woody Allen, et c’est à croire que Colin Farrell se spécialise dans les problèmes de conscience. Le film mérite bien son titre car il s’agit d’une véritable visite, sans que la trame soit délaissée pour autant. Mon passage préféré ? Le moment où Ray (Colin Farrell) et Chloë (Clémence Poésy) s’avouent leur métier. Impossible d’en dire plus sans raconter l’histoire !

La donna della domenica, Luigi Comencini, 1975: ecco un film girato a Torino in cui un’indagine su uno strano assassinio da l’occasione non solo di vedere la città com’era negli anni 70’ ma anche di portare uno sguardo critico sulla borghesia torinese, così particolare che si può capire soltanto abitando la città. Credetemi, in trent’anni, questa borghesia non è cambiata e siete fortunati se non la conoscete! Marcello Mastroianni (ecco, avete voglia di vedere il film !) ha dichiarato: "Del film mi piaceva l’idea che si raccontasse un’altra Torino, la Torino della borghesia, la Torino segreta delle ville in collina e dei vizi inconfessabili, la Torino che vede però le signore della buona società andare senza problemi al mercato delle pulci mescolate con tutti gli altri. Sono sensazioni che si possono vivere soltanto qui".

La femme du dimanche, Luigi Comencini, 1975: voici un film tourné à Turin où une enquête sur un meurtre étrange donne l’occasion non seulement de voir la ville telle qu’elle était dans les années 70 mais aussi de porter un regard critique sur la bourgeoisie turinoise, très particulière, que l’on ne peut vraiment comprendre qu’en habitant la ville. Croyez-moi, en trente ans cette bourgeoisie n’a pas changé et vous avez de la chance de ne pas la connaître ! Marcello Mastroianni (ça y est, vous avez tout de suite plus envie de le voir !) a déclaré : "j’aimais l’idée que ce film raconte une autre Turin, la Turin de la bourgeoisie, la Turin secrète des villas sur les collines et des vices inavouables, la Turin qui voit pourtant les dames de la haute société aller sans problème au marché aux puces au milieu des autres. Ce sont des sensations qu’on ne peut vivre qu’ici".

Paris je t’aime, 2005 : impossibile fare turismo in Europa senza passare per Parigi ! Questi 18 corti episodi sono proprio pensati per il turismo, dato che ognuno è girato in un quartiere diverso. Fra i registi, grandi nomi come Gus Van Sant o i fratelli Coen e anche Gérard Depardieu, una quantità di attori, francesi o non, e numerose storie che hanno lo scopo di fare visitare Parigi e anche di condividere un certo modo di essere parigino. I miei due episodi preferiti? Il corto-metraggio dei fratelli Coen con Steve Buscemi nel ruolo di un turista americano buffissimo! Poi quello di Sylvain Chomet che racconta l’emozionante incontro fra due mime.

Paris je t’aime, 2005 : impossible de faire du tourisme en Europe sans passer par Paris ! Cette série de court-métrages est vraiment pensée pour le tourisme, puisque chaque court-métrage met en scène un arrondissement différent. Parmi les réalisateurs, de grands noms comme Gus Van Sant, ou les frères Coen et même Gérard Depardieu, une quantité d’acteurs, français ou non, et une série d’histoires qui ont pour but non seulement de faire visiter Paris mais aussi de partager un certain état d’esprit parisien. Mes deux préférés ? Le court-métrage des frères Coen avec un Steve Buscemi dans le rôle d’un touriste américain hilarant ! Et puis celui de Sylvain Chomet qui raconte la touchante rencontre entre deux mimes.

Stormy Weather, Sólveig Anspach, 2003: conosco bene il Belgio, meno il suo cinema, però ogni volta che guardo un film belga, è serio! Qui, è originale, si tratta di un film belga-islandese, e Cora, la protagonista (Elodie Bouchez), un medico, parte in Islanda raggiungere una paziente che non parla. Se siete freddolosi, dimenticatevi di questo film in cui le case hanno la luce accesa pure in giornata. La nature islandese è inquietante e grandiosa, l’argomento è peso ma appassionante. Segnalo che Loà, la paziente, è recitata dalla poetessa islandese Didda Jónsdóttir.

Stormy Weather, Sólveig Anspach, 2003: je connais bien la Belgique, moins son cinéma, mais à chaque fois que je tombe sur un film belge, ça ne rigole pas! Ici, pour faire original, le film est belgo-islandais et Cora, la protagoniste (Elodie Bouchez), un médecin, part rejoindre une patiente mutique en Islande. Si vous êtes frileux, oubliez ce film où les lumières des maisons restent allumées en plein jour ! La nature islandaise est inquiétante et grandiose, le sujet du film est dur mais passionnant. Notons que Loà, la patiente, est jouée par la poétesse islandaise Didda Jónsdóttir.




33 commenti:

Guady March 6, 2009 at 9:42 AM  

che marito filmisticamente preciso e ordinato!!!
(esiste filmisticamente??? O___O)

bullesdinfos March 6, 2009 at 10:09 AM  

Argh ma liste s'allonge ;-)

AlicePleasance March 6, 2009 at 10:33 AM  

Che belle scelte!
Ho visto Lisbon Story a sedici anni e mi ha fatto innamorare del Portogallo (d'altra parte Wenders è, o almeno era, bravissimo nel descrivere i luoghi senza parlarne direttamente...non solo Berlino, ma pensa alla Germania tout court con Alice Nelle Città, film che adoro).
Sono stata a Bruges ben prima del film, ma è stato un piacere vederlo, anche perché più trivialmente, Ralph Fiennes è esattamente "my cup of tea"...!

Comunque sono solidale con tuo marito, ora mi stanno venendo in mente mille film indispensabili da aggiungere alla tua lista...mi sembra di essere tornata ai tempi dell'università quando ricostruivo le filmografie per esami, tesi, tesine e per il puro piacere di farlo!

L'armadio del delitto March 6, 2009 at 2:49 PM  

Guady: filmisticamente? Non lo so!

Bulles d'infos: heureusement que je n'ai choisi que 5 films!

AlicePleasance: penso che Lisbon Story abbia influenzato la scelta del nostro viaggio di nozze! Alice nelle città non l'ho visto, ma parto alla sua ricerca per allungare la lista!
Anch'io conoscevo Bruges, ma in un modo molto turistico: il film me l'ha fatto conoscere meglio (e con attori niente male).
Ho fatto proprio fatica a scegliere, c'è ne sono così tanti su questo tema!
A proposito, hai fatto il DAMS per caso?

AlicePleasance March 6, 2009 at 3:20 PM  

Sì, DAMS Cinema ;-)

lucille March 6, 2009 at 3:43 PM  

J'aime beaucoup quand tu nous fais partager les films que tu aimes bieen car les commentaires qui vont avec sont vraiment super !

XPincaPallinaX March 6, 2009 at 5:19 PM  

Uscendo dall'Europa e volando verso il Giappone, a Tokio, con precisione: "Lost in translation", di Sofia Coppola (il mio film preferito, tra l'altro), fa fare un tuffo in una città completamente diversa dalle nostre, ma affascinantissima!

nathy88 March 6, 2009 at 5:20 PM  

In Bruges l'ho visto e a dire la verità non mi è piaciuto molto -sebbene avesse ricevuto delle nominations agl'oscar- è...così strano! Poi tutta quella nebbia che fa da sfondo alla città è troppo malinconica! Però l'attore, lo confesso, è fra i miei preferiti, mi è piaciuto molto nel film in cui parla nella cabina telefonica di NY, non so se lo hai visto!
Buon fine settimana!

L'armadio del delitto March 6, 2009 at 6:33 PM  

AlicePleasance: DAMS cinema! Che fortuna! Io ho banalmente fatto lettere (però quanto mi è piaciuto)!

Lucille: ça me fait très très plaisir!

XPincaPallinaX: benvenuta qui! Lost in Translation è bellissimo, me lo rivedrei volontieri!

Nathy: no, di che film parli? Ti riccordi il titolo o almeno qualche indizio che me lo farebbe ritrovare?

rossovelvet March 6, 2009 at 6:51 PM  

Eheehhh, spassosi gli annedoti matrimoniali xD.
Il cinema è anche per me la mia passione piu grande, pero la classificazione non riesco piu a farla.... vedo troppi, troppi, troppi film !!! E poi sono disorganizzata x).
Comunque è buffo, anch'io avrei pensato subito a Wenders ! Il film di Comencini non l'ho visto, mi sa che me lo cerco...
Se dovessi scegliere un film da aggiungere sarebbe Blow-up ( perché la Ravenna di Deserto Rosso può piacere solo a me ! ), ma è vero che il tema del cinema-turistico è fantastico, già solo in una città come Roma ne hai per settimane ! !
Bacioni e complimenti per il fantastico post, davvero !

Selvaggia March 6, 2009 at 7:48 PM  

Devo assolutamente vedere In briges. E' un pezzo che me lo ripeto.
Un bacio

Anonymous March 6, 2009 at 7:49 PM  

volevo dire in bruges...
selvaggia

AlicePleasance March 6, 2009 at 8:35 PM  

Credo che il film sopra citato con Colin Farrell sia Phone Booth di Schumacher ;-)

eleonora March 6, 2009 at 8:41 PM  

Je passe pour te remercier beaucoup de ta gentillesse et comme nous sommes vendredi, je te souhaite un super week-end….chez nous, c’est la pluie. Tu as bien raison et le week-end c'est le moment bonheur pour faire ce qu'on aime...En plus j'adore le cinema.....ciao, ciao

L'armadio del delitto March 6, 2009 at 9:39 PM  

rossovelvet: appunto, più vedi film, più è utile una classifica! Però è tutto merito del mio uomo! Per Wenders, avevo la sceltà però volevo assolutamente parlare di Lisbona. Blow-up: me lo sono segnato. Per Roma... merita un post da sola!

Selvaggia: te lo consiglio!

AlicePleasance: grazie dell'informazione!

Eleonora: merci, comme tu es gentille! Ton blog est super et c'est un vrai plaisir pour moi d'y aller. Bon week-end cinématographique (puisqu'il pleut, autant en profiter!)

tuzina March 7, 2009 at 12:00 AM  

Bene...mi sento sempre più ignorante in materia di cinema...non en ho visto enanche uno!!!!!!:(
Ma almeno ora la lista dei film da vdere si allunga e il mio professore di Stoia del Cinema sarà contento :)
Grazie per i consigli!

Nayra Laise March 7, 2009 at 12:54 AM  

Grazie per i consigli, d'avvero utili nel mio caso visto che non ho visto ancora nessuno!!Un bacione e buon we

nathy88 March 7, 2009 at 9:08 AM  

Il titolo me lo ricordo in inglese "phone booth" dura pochissimo, circa un ora e mezza, ma ti prende moltissimo e penso sia fatto pure bene! Buon Sabato!

L'armadio del delitto March 7, 2009 at 1:32 PM  

Tuzina: fai storia del cinema? Che fortuna!

Nayra Laise: i due più "facili" da guardare sono In Bruges e Paris je t'aime.

Nathy: Grazie! Ti dirò che cosa ne ho pensato!

tuzina March 7, 2009 at 3:36 PM  

Si, nel senso solo un esame per ora..:) la facoltà è sempre lettere come hai fatto tu e il corso di laurea è Scienze della comunicazione :)

Federica - Inside a bullet with butterfly wings March 7, 2009 at 5:30 PM  

Concordo su "La donna della domenica": molto folkloristico di un'Italia forse ancora troppo ancorata al passato!

L'armadio del delitto March 7, 2009 at 8:55 PM  

tuzina: bello! Io ho avuto pittura e letteratura, fotografia e letteratura ma non cinema! Però non ho fatto l'università a Torino.

Federica: finalmente una che l'ha visto!

Selvaggia March 8, 2009 at 11:41 AM  

Buona domenica!

nathy88 March 8, 2009 at 11:49 AM  

Buona festa della donna ^_^

Iole March 8, 2009 at 1:39 PM  

Buona festa delle donne........
kiss kiss
Iole

L'armadio del delitto March 8, 2009 at 2:11 PM  

Auguri anche a voi ragazze!

Anonymous March 8, 2009 at 2:19 PM  

Ciao bella!! Sono Julia9 del blog "Fashion..my secret obsession"..non riesco a capire come mai mi viene fuori anonimo quando commento..cmq, grazie per essere passata! che bello quà, passerò diverse volte, adesso! E così un'altra torinese, yesssss, viva la nostra bellissima city! un bacio e augurissimi per oggi

b-chic March 8, 2009 at 6:16 PM  

Ciao L. grazie per la dritta sul sito dei film da scaricare. Bella selezione di titoli hai fatto. Ho visto Lisbon story che mi aveva colpito molto per la fotografia. Gli altri me li vado a cercare, grazie

L'armadio del delitto March 8, 2009 at 7:45 PM  

Julia9: grazie della tua visita! Non so perché hai dovuto commentare con anonimo, spero che sia l'unica volta! Sono contenta di incontrare una torinese!

b-chic: prego! Lisbon story è magnifica, come tutti gli altri film di Wenders!

rossovelvet March 8, 2009 at 10:57 PM  

Vabbé, anche nere non ci sputerei sopra ;D.
Senti visto che ti piace il cinema, conosci Cassavetes ? Il vero genio del 2oesimo... troppo sottovalutato !

rossovelvet March 8, 2009 at 10:58 PM  

Dimenticavo, non so piu se te l'ho detto, mi chiamo Isa, o Isy, o Is' in verità Isabel ma odio il mio nome xD
Baci <3
E tu ? ^^

L'armadio del delitto March 9, 2009 at 3:44 AM  

rossovelvet: uno di questi giorni le fotografo. Ne vado molto fiera! Cassavetes? Ci sono Nick e John.

hotel rimini October 8, 2010 at 9:39 AM  

bella idea elencare dei film in base alla località

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates 'Neuronic' by Ourblogtemplates.com

Back to TOP