Monday, March 09, 2009

Du rôle du café dans ma tenue du jour

La mattina, siete piuttosto caffè poi doccia, o doccia poi caffè ?

Vi chiedo questo perché ho sognato tutta la mia adolescenza davanti alla prima collazione della famiglia Sheffield (sì sì sapete chi sono) servita da Niles, che Fran prendeva già truccata e bella con un asciugamano sulla testa.

Io però, prima del caffè non ho le idee chiare, ed è meglio per tutti, soprattutto per la gente che incrocio per strada, che scelga i miei vestiti dopo il caffè.

Soprattutto quando leggo Vogue.fr di prima mattina. Perché leggendo Vogue prima del caffè, si rischia di assomigliare… a Fran, appunto! Ah, ecco perché si vestiva così, è appunto perché avrebbe dovuto prendere il suo caffè prima!

Vous le matin, c’est plutôt café puis douche ou douche puis café ?

Je vous demande ça parce que j’ai rêvé toute mon adolescence devant le petit déjeuner de la famille Sheffield (mais si vous savez qui c’est) servi par Niles, et que Fran prenait déjà maquillée et pouponnée avec une serviette sur la tête.

Seulement, moi, avant le café, je n’ai pas les idées claires, et il vaut mieux pour tout le monde, surtout pour les gens qui me croisent dans la rue, que je choisisse ma tenue après le café.

Surtout quand je lis Vogue.fr de bon matin. Parce qu’en lisant Vogue avant le café, on risque de ressembler… à Fran justement ! Ah ben voilà pourquoi elle s’habillait comme ça, c’est justement parce qu’elle aurait dû prendre son café avant !


Foto da Life

Per esempio, oggi Vogue propone di vestirsi da principessa, rettile o vestale! Leggendo questo dopo il caffè, interpreto. Prima, non interpreto per niente.

Se, dopo avere letto Vogue vado su un sito di vendita on-line, può darsi che tre giorni dopo riceva un sarouel slim, un trench tie and dye o un pigiama di giorno (come lo consiglia Elle Francia).

Peggio ancora! Leggo me stessa e mi prendo sul serio: interessante, avevo consigliato un pezzo di trench tagliato al livello delle spalle e un tutu, va molto bene!



I passanti mi guardano.

La la la il sole brilla e sono molto bella, mi guardano tutti!



Aujourd’hui, par exemple, Vogue propose de s’habiller en princesse, reptile ou vestale ! En lisant ça après le café, j’interprète. Avant, je n’interprète pas du tout.

Si, après le passage sur Vogue, je vais sur un site de vente en ligne, il se peut que je me retrouve trois jours plus tard avec un sarouel slim, un trench tie and dye ou un pyjama de jour (comme le conseille Elle).

Pire ! Je me lis moi-même et je me prends au pied de la lettre : tiens tiens, j’avais conseillé un bout de trench découpé sur les épaules, et un tutu, c’est très bien tout ça !



Regards des passants.

La la la le soleil brille et je suis très belle, tout le monde me regarde !




Per evitare questa situazione imbarazzante, 3 regole:

  • buttarsi sulla vostra caffettiera o sulla vostra teiera prima di accendere il vostro computer o la vostra rivista preferita.
  • Interpretare ciò che leggete, compreso qui. Su certi blog, leggo a volte dei commenti interessanti, come: non oserei mai vestirmi in Galliano-Westwood! O ancora: non conto comprare nessun modello di questa sfilata. Ah no?
  • Avere vestiti semplici, un sacco di vestiti semplici. Non si fanno notare ma anche qui c’è una moda.

Pour éviter cette situation embarrassante, 3 règles :

  • Se jeter sur votre cafetière ou votre théière avant d’allumer votre ordinateur ou d’ouvrir votre magazine préféré.
  • Interpréter ce que vous lisez, y compris ici. Sur certains blogs, je lis parfois des commentaires intéressants, comme : ah non, je n’oserais jamais m’habiller en mélange Galliano- Westwood ! Ou encore : je ne compte acheter aucune pièce de ce défilé. Ah non ?
  • Avoir des basiques, plein de basiques. Ils passent inaperçus, mais là aussi il y a une mode.

Per fare concorrenza a Vogue e a Elle e per rimanere nel tema dei telefilm, guardate Desperate Housewives, quinta stagione ovviamente : Susan è esatamente come la ragazza semplice sarà nel 2009:

Pour faire de la concurrence à Vogue et à Elle et pour rester dans le registre des séries télé, regardez Desperate Housewives, saison 5 évidemment : Susan est exactement comme la fille toute simple sera en 2009 :

Susan ha una bella collezione di magliette “tunisien” (pare che in italiano si dice a collo serafino, ma non l’ho mai sentito dire). Però non è la prima: meredith (Grey’s Anatomy) le indossava già due stagioni fa.

Susan indossa maglie di colore.

Susan indossa top con nodi.

Susan indossa dei bellissimi jeans a zampa chiarissimi.

Susan ha spesso dei tacchi, ma meno della stagione scorsa.

Susan a une belle collection de t-shirt tunisiens. Mais elle n’est pas la première : Meredith (Grey’s Anatomy) en portait déjà il y a deux saisons.

Susan porte des pulls de couleur.

Susan porte des tops à nœuds.

Susan porte un superbe jean patte d’eph' très clair

Susan est souvent en talons, mais moins que la saison dernière.


Foto da monshowroom (consegna anche in Italia)

Susan ha dei cardigan di tricot.

Susan porta maniche a palloncino.

Le sue amiche indossano del giallo chiaro e dei top blu.

Morale della storia: la mattina, guardate Desperate Housewives!

Susan a des gilets tricotés.

Susan porte des manches ballon.

Ses copines portent du jaune clair et des tops bleu.


Morale de l’histoire : le matin, regardez Desperate Housewives !




25 commenti:

Guady March 9, 2009 at 9:39 AM  

ahuahuahauauha
Io faccio colazione ancora con gli occhi chiusi. Poi, forse, dopo mi sveglio!!!!

^__^

b-chic March 9, 2009 at 10:07 AM  

Ciao L.: GRAZIEEEEE!!!! Ti adoro! Sono d'accordo su tutto quello che hai scritto, su ogni virgola...a volte mi sento persa tra i vari blog di ragazze piene di borchie, jeans strappati e stivaletti con catene e strass...veramente il limite tra buon gusto e ridicolo è molto sottile, bisogna stare attente a non scivolare! Trovo molto interessanti gli ultimi post di Garance Dore dove fotografa donne molto equilibrate nel vestire, che non esagerano mai, io sento di essere più vicino a quel tipo di stile

AlicePleasance March 9, 2009 at 10:55 AM  

Allora...io...
1. non bevo caffè , tè, qualsivoglia altra bevanda calda e in generale non prendo mai niente prima, come minimo, di metà mattina
2. non sopporto Susan. Sono una sostenitrice convinta di Brie anche in fatto di look
Deto ciò, largo ai vestiti "semplici"!!

L'armadio del delitto March 9, 2009 at 12:08 PM  

Guady: mi fai sentire meno sola :D

b-chic: l'estremo che vedo nei blog mi piace quando è esperimentale (come da Tavi) oppure quando è portato da una persona a forte personalità. Negli altri casi, si tratta spesso di cattivo gusto... Anch'io ho notato che gli ultimi post di Garance mostrano La Donna Semlipce e Perfetta. Però là è tutta la difficoltà: queste donne sono semplici... solo in apparenza.

AlicePleasance: hai le idee chiare senza bere niente? Sono sicura che ci nascondi un vestito in piume comprato alle 7.30 on line!
Susan... è la ragazza semplice di oggi e basta. Bree ha un look molto più personale, che ha più carattere. Però hai notato quanto la stanno vestendo di manera sempre più semplice? All'inizio hanno cambiato i suoi capelli, e ora potrebbe prestare certe cose a Susan.

rossovelvet March 9, 2009 at 12:26 PM  

XD XD XD !!!!!!!!!!!!!!!!
Dioooooo, sono morta dal ridere leggendoti giuro ! Cara Cécile aaaahh che bel nome poi ;D
Io lo chiamo la 'sindrome Barilla', o Mulino Bianco... cioè le famiglie perfette, ben pettinate, truccate, vestite, con il sole, il sorriso idiota e a lanciarsi battute fruttate. Ma chi ci crede ? XD.
Il caffé, o tempora, o mores, per sfortuna a casa non posso farmelo la mattina perché ho l'induzione ( vabbè, puoi smetterla di leggere sto moltiplicando i dettagli inutili ), perciò me lo prendo a scuola dopo due ore, di solito... immaginati come sono in forma la mattina ! Perciò quando mi sveglio devo impiegare 3o minuti x vestirmi. E un tè, comunque, x soppravivere.
Però anche se mi piace il tuo ragionamento della donna 'normale', forse per la mia età forse per il mio carattere mi piace non vestirmi 'normalmente'. Non sembrare travestita o uscita da Elle ( buonissima quella del pigiama xD ), però mi piace avere sempre quel twist, quella diversità... mi fa cominciare bene la giornata !
Noto anche di non cominciare fiondandomi su Gossip Girl, ma preferirli Desperate Housewives.
Ma davvero il cerchietto in tartan con il fiocchetto non mi sta bene ? ^^

rossovelvet March 9, 2009 at 12:34 PM  

Con tutto cio dimenticavo Cassavetes !
Nick è il figlio ma naturalmente parlo di John ! John è il re dell'indie, il marito di Gena Rowlands ( per me la piu grande e piu bella attrice di tutti i tempi assieme a Monica Vitti ), autore di film come Gloria, Shadows, Husbands, ma sopratutto 'A woman under the influence', uno dei film piu belli della storia del cinema ! Ha lavorato un sacco con Peter Falk (Columbo)... se ti capita un suo film, davvero te lo consiglio ;D

Besos !

AlicePleasance March 9, 2009 at 12:40 PM  

ecco appunto...non ho affatto le idee chiare e di abiti di piume ne ho pieno l'armadio ;-) E' vero quel che dici su Bree, lo stile è molto cambiato nelle ultime stagioni e ormai è così vicino a quello di Mad Men che ovviamente non posso che amarlo!

L'armadio del delitto March 9, 2009 at 1:50 PM  

rossovelvet: scuola, età? Ma sei allieva o prof? Quanti anni hai? Anche a me piace avere un qualcosa di personale, assomigliare a un clono della gente che vedo per strada: mai! Conosci la Ricoré? La collazione Ricoré in Francia è l'equivalente di quella Mulino Bianco in Italia! Sai che anch'io scrivendo questo post ho fatto un paragone fra Gossip Girl e Desperate Housewives? A 29 anni, sono decisamente più desperate!

Di John Cassavetes, ho Assassinio di un allibratore cinese e Husbands. Ne guardo uno questa settimana e ti faccio sapere cosa ne ho pensato!

AlicePleasance: hihi! Sai che NON ho mai visto una puntata di Mad Men? Shame on me, però non è mai troppo tardi!

Claire March 9, 2009 at 6:30 PM  

Ce post est énorme, jme bidonne comme une conne derrière mon ordi!! meno male que je suis seule chez moi!!
Parcontre, tu m'as fait une fausse joie, en voyant le titre, je me suis dit "ah, ça y est, elle va nous envoyer de la photo de look un peu.." et en fait non.. peccato!! magari un'altro giorno?!! ;-)

nathy88 March 9, 2009 at 6:30 PM  

He he he, non ho bisogno di pormi il problema, il caffè non lo prendo la mattina e gli abiti li scelgo la sera prima, altrimenti esco di casa con un ora in ritardo.
Non ho capito se preferisci Elle o Vouge...io mi sto affezionando molto ad Elle!

L'armadio del delitto March 9, 2009 at 7:11 PM  

Claire: hehe! Ne t'inquiète pas pour mon look, tant qu'il y a de la vie, il y a de l'espoir!

Nathy: wow, che organizzazione!
Neanch'io non so se preferisco Vogue o Elle, sono riviste molto belle entrembe. Però la mia preferita fra tutte è Velvet! Poi ci sono le riviste on-line a cui sono molto fedele.

Silvia March 9, 2009 at 7:23 PM  

Ho appena comperato un pigiama online su un sito parigino che non so se userò per uscire o per dormire. Nel dubbio l'ho scelto in un colore intonato ai miei orecchini preferiti :-)
Sono una torinese atipica lo so, forse perché ho viaggiato tanto e sono libera e creativa.
Troppo semplice infatti non mi sopporto mi sento tanto "la donna invisibile" :-(

Federica - Inside a bullet with butterfly wings March 9, 2009 at 7:48 PM  

come non quotare Guady!

L'armadio del delitto March 9, 2009 at 8:27 PM  

Silvia: ciao, benvenuta qui! Ehi, un'altra torinese! In realtà, hai trovato LA soluzione: dormire poi uscire senza vestirti :) Comunque a Torino ci sono poche persone che oserebbero uscire diversamente che in beige e marrone con stivali da cavallo: brava!

Federica: hehe, la prima colazione salva il nostro cervello!

tuzina March 9, 2009 at 10:38 PM  

mmmm in effetti è un bel dilemma!!!Beh a me capita spesso si pensare il giorno prima come vestirmi, specialmente se al mattino mi alzo molto presto e comunque un delle ultime cose che faccio prima di uscire di casa è proprio prendere il caffè...quindi già vestita...però non sono così terribile quando esco...almeno lo spero!!!Anche se una volta mi è capitato di mettere le calze del colore sbagliato che ovviamente non centravano nulla con come ero vestita e accorgermene solo una volta arrivata in università, ma non è stato così terribile....non se ne sono accorti in molti credo :) baci!

Nayra Laise March 10, 2009 at 12:23 AM  

Ciao carissima!Io prendo il caffe,nel mio caso il tè,prima(ma molto prima!) di uscire (alla fine esco sempre in ritardo!),anzi mi alzo proprio per questo motivo,perche essendo incinta,se non mangio qualcosina la bimba nn mi lascia conntinuare il mio sonno di bellezza,hehehe.Un bacione e felice settimana

L'armadio del delitto March 10, 2009 at 1:14 AM  

Tuzina: quindi tu sei una doccia poi caffè! Io faccio così solo quando mi alzo più presto del solito perché alzandomi non ho fame e ho bisogno di prendermi acqua sulla testa per ricordare il mio nome!

Nayra Laise: è una femina! Non lo sapevo! Auguri!

Silvia March 10, 2009 at 10:24 AM  

O Cécile (ti chiami così vero?) me ne sono accorta! Vivo lontano da Torino oramai da anni anche se vi torno spesso e devo proprio dire che negli ultimi anni la mancanza di creatività e di colore nel vestire si è accentuata. Nelle vacanze di Natale ho provato ad andare in giro con la pelliccia viola presa a Parigi e creata da un'altra torinese incompresa emigrata. Non lavoro in un circo ma mi occupo di moda e tendenze, la pelliccia è viola scura ed è adatta al clima rigido della città, ciò nonostante mi sono sentita terribilmente a disagio: mi sentivo gli occhi di tutta via Roma puntati addosso...sensazione sgradevolissima! Mai più.
Guarda, nella cittadina di provincia di mio marito nel Sud Italia metto tranquillamente di tutto, anche la pelliccia viola, mentre nella nostra città no. Paradossale no?

tuzifashiontips March 10, 2009 at 1:58 PM  

Silvia: quanto hai ragione!Io un giorno ho messo un paio di collant giallo ocra e la faccia delle persone è stata terribile...paradossale davvero!Eppure chi abita in una città di medie dimensioni come la nostra così vicina a Paesi come la Francia e la Svizzera dovrebbe essere abituato a vederne di tutti i "colori" e invece....non è così!

L'armadio del delitto March 10, 2009 at 2:41 PM  

Silvia e Tuzina: io dato che sono straniera ho i miei codici estetici, anche se italianizzati. A Torino sono la sola a vestirmi così, ma siccome mi trovo normale, non me ne frega se gli altri trovono strani i miei collant di colore o il fatto che con i miei tacchi faccio più di 1,80 m. Quando qualcuno mi fa notare la mia apparenza, prendo un'aria fiera e dico: "caro, a casa mia è così, a Torino capirete fra 2 o 3 anni".

tuzifashiontips March 11, 2009 at 11:22 AM  

@l'armadio del delitto: ahaha!!!buona la risposta!!Rispondo la stessa cosa più o meno riferendomi alla mia metà straniera, quindi alla mia seconda patria polacca :) così stanno tutti zitti :) hihi!!

rossovelvet March 11, 2009 at 6:43 PM  

Devo prendere l'abitudine di leggere le tue risposte xD.
Bè, ho 17 anni ! Lo so, pischella, pischella, pischella ;D. Bella quella della 'prof' però ahah !
Noooo non conosco Ricorè !
La mia vita alimentare colazione / merenda è fatta di Pan di Stelle. O cracker Pavesi...
Mulino Bianco uno di noi xD

bullesdinfos March 15, 2009 at 11:58 AM  

Un délice ce billet.
Moi mon rituel c'est avant et après le dépôt de mister T à la crèche. C'est à dire que le pauvre personnel de la crèche me voit tous les matins l'œil torve, le cheveu pas net en jean et parka (Comptoir des Cotonniers quand même !). Mieux vaut me voir après... D'ailleurs quand je repasse le chercher plus tard dans la journée, c'est limite si les puéricultrices me reconnaissent ahahah ! OK faut que je fasse un effort peut-être, message reçu...

L'armadio del delitto March 16, 2009 at 12:19 AM  

rossovelvet: la Ricoré è un mix di caffè e chicoré (tipo orzata). Non è così male ma soprattutto le pubblicità sono veramente tipo quelle di Mulino Bianco!

Bulles: hihihi, excellent les puéricultrices qui ne te reconnaissent pas! Je faisais comme toi en France, pour conduire mon petit frère à l'école ou aller chercher du pain. En Italie, tout le monde est tellement tiré à 4 épingles que je n'ose pas (mais je congèle mon pain).

Nientedamettere March 17, 2009 at 7:27 PM  

Direi decisamente caffè-doccia, con la sola differenza che io mi inietto ogni mattina cappuccino! Senza zucchero ahimè, il che rende la sveglia ancora più efficace.
Grazie per il commento sul blog ;-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates 'Neuronic' by Ourblogtemplates.com

Back to TOP