Monday, March 30, 2009

Le it-bag est mort! Vive le it-bag!

Ho una fobia terribile. Un fashion tabù. Una cosa che non porterò mai. Il problema è che apparentemente sono la sola ad odiare questo nel mio quartiere e quando esco da casa mia, che orrore, cosa vedo?

J’ai une phobie terrible. Un fashion-tabou. Un truc que je ne porterai jamais. Le problème, c’est que je suis apparemment la seule à détester ça dans mon quartier et quand je sors de chez moi, horreur ! que vois-je ?

Bella ragazza milanese con borsa all'italiana / Jolie Milanaise avec sac à l'italienne

Delle borse brutte: delle false Vuitton di qua, delle vere D&G di là, del bling bling a volontà con marche da tre zero esposte senza pudore con sigle in vista e particolari volgari. Peggio, capita che siano in serpente o non so di che animale tipo coccodrillo (o in plastica che prova ad imitare). Camino per la strada ed è orrendo, si avvicinano, sono numerose, mi circondano appese alla spalla della loro proprietaria ma so che mi guardano e che provano a guccizzarmi o pradaizzarmi… non esiste, non mi lascerò fare!

Già il concetto dell’it-bag, boh. L’idea che BISOGNA avere una cosa di una tale marca mi fa fuggire.

Insomma, pare che sia finito, out, morto il trend delle it-bag. È logico dato che siamo tutti ufficialmente poveri. D’altronde, ho notato sulle foto di street style del Vogue giapponese in rete che le borse hanno cambiato a Tokyo, New York, Parigi, e anche un po’ Milano.

Des sacs moches : des faux Vuitton par-ci, des vrais D&G par-là, du bling bling à volonté avec marques à trois zéro affichées sans pudeur à grands renforts de sigles voyants et de détails clinquants. Pire, il arrive qu’ils soient en serpent ou je ne sais quel animal, genre crocodile (ou en plastique qui essaie d’imiter). Je marche dans la rue et c’est affreux, ils se rapprochent, ils sont nombreux, ils m’entourent agrippés à l’épaule de leurs propriétaires mais je sais qu’ils me regardent et qu’ils essaient de me gucciser ou de me pradaïser… ça va pas non ?

Déjà le concept du it-bag, bof. L’idée qu’il FAUT avoir un truc de telle marque, ça me fait partir en courant.

Bref, il paraît que c’est terminé, out, mort les it-bag. C’est logique puisqu’on est tous officiellement pauvres. J’ai d’ailleurs remarqué sur les photos de street style du Vogue Nippon en ligne que les sacs ont effectivement changé à Tokyo, New York, Paris, et même un peu à Milan.

Paris / Paris / New York

Le foto mi hanno subito invogliato a ricuperare la mia borsa cool e marrone e avere il buon gusto come queste ragazze di abbinarla con stivali cool e marrone. E come loro, portarla con gli it del momento. Non c’è la farò mai a sbarazzarmi del concetto di it. Dato come sono le cose, invece delle it-bag, ci saranno ormai le it-cose nei capelli.

Les photos m’ont tout de suite donné envie de remettre la main sur ma besace cool et marron et d’avoir le bon goût comme ces jeunes filles de l’assortir à des bottes cool et marron. Et comme elles, de porter le tout avec les it du moment. Et voilà, je ne réussirai jamais à me débarrasser du concept de it. Vu comme c’est parti, à la place des it-bag, il y aura bientôt les it-trucs dans les cheveux.

Tokyo

Poi ho notato che a Tokyo va tanto di moda avere in mano una piccola borsa buffa. Beh, fortunatamente che ci sono le foto perché la mia descrizione è piuttosto scarsa! Altri tipi di borse tenute in mano, non per forza minuscole, e ovviamente la pochette, hanno il loro successo anche fuori dal Giappone. Fra poco ce ne andremo tutte in giro con un portacarte, come i GMM (Grandi Maghi della Moda) lo annunciano.

Ensuite j’ai remarqué que c’est la grande mode à Tokyo de porter un petit sac marrant à la main. Bon, heureusement qu’il y a les photos parce que je ne viens pas de me surpasser en description! D’autres sacs portés à la main, pas nécessairement minuscules d’ailleurs, et ben sûr la pochette ont leur petit succès hors du Japon. Il paraît nous nous promènerons bientôt tous avec un porte document, comme les GDM (Grands Devins de la Mode) l’annoncent.

Tokyo

Paris

New York / Milano

A proposito, avete notato che a volte, per fortuna per noi poveri mortali, va di moda fare una cosa che facevamo già? Tipo portare una borsa a tracolla . Beh, va di moda. Cosa che non cambierà niente alle nostre abitudini, un po’ come se dicessero che ora è la moda di spingere un carrello al supermercato. Ma la cosa interessante, è che Carine R e le sue amiche si mettono dal giorno all’indomani a portare la loro borsetta Chanel a tracolla con l’aria conquistatrice tipo ho-appena-creato-questo-nessuno-spirito-geniale-ci-aveva-pensato-prima-di-me. Mi fa tenerezza.

Sinon vous avez remarqué que parfois, par chance pour nous pauvres mortels, c’est à la mode de faire un truc qu’on faisait déjà ? Genre porter un sac en bandoulière. Ben oui, tout le monde porte parfois un sac en bandoulière. Ben c’est la mode. Ce qui ne changera rien à nos habitudes, un peu comme si on nous disait que maintenant c’est la mode de pousser son caddie au supermarché. Mais ce qui est intéressant c’est que Carine R et ses copines se mettent du jour au lendemain à porter leur sac matelassé en bandoulière d’un air de conquérant, genre je-viens-de-créer-ça-aucun-esprit-génial-n’y-avait-pensé-avant-moi. C’est attendrissant.

Tokyo

New York

Milano e Parigi: non ancora la moda della borsa a tracolla? / Milan e Paris: pas encore la mode de la bandoulière?




35 commenti:

bullesdinfos March 30, 2009 at 10:51 AM  

Ahah j'adore ton décryptage de la mode ! Surtout le coup du sac en bandoulière comme le caddy à la caisse en effet ;-)
Ben sinon on s'en sort pas avec les it bags, pas possible de laisser un smic (ou un mois d'assedic selon) dedans ! En plus c'est moi ou je trouve la plupart des it bags... moches ?
Bon alors OK je traine un vieux Jerome Dreyfuss mais acquis du temps où il faisait des soldes presse. Ça compte ou pas ?

L'armadio del delitto March 30, 2009 at 11:01 AM  

ça me fais bien rigoler le coup du sac en bandoulière car je porte toujours comme ça mon petit sac vintage (adorable, 30 euros et que tout le monde m'envie, héhé) et on m'a parfois dit: ça fait sportif de porter un sac comme ça. Ben voilà, les GDM ont décidé que ce n'est plus sportif.

Sinon console-toi, les it-bag à Paris sont moins moche qu'en Italie. Ici le sac, it ou non, est l'occasion de se laisser aller au trash dans toute sa splendeur.

AlicePleasance March 30, 2009 at 11:51 AM  

Io dubito del fatto che la gente, almeno qui nella provincia denuclearizzata (non si sa ancora per quanto sarà denuclearizzata...), rinunci alle it-cose: i negozi son sempre pieni e le Prada/Vuitton/qualunque-cosa-con-etichetta-vistosa vanno via più del pane. Pelle d'oca, ovviamente.
Le borse a tracolla mi piacciono tanto, ma non riesco a portarle, non mi ci trovo. In fondo ho un animo da casalinga del Midwest anni '50!

bonnieparcoeur March 30, 2009 at 12:04 PM  

Comme toi, le concept du it-something (bag, girl, etc...) me fatigue fondamentalement. Dans le Elle cette semaine, ils disent bien d'ailleurs que c'en est fini du it-bag, et que nous rentrons dans l'ère du low-bag (je crois que c'est ça). L'idée ? Le sac de créateur coûte toujours un bras - faut donc choisir l'autre pour le porter - mais a la décence de ne pas le montrer. Ex : le sac dessiné par Sofia Coppola qui dans le genre low profile à ballerines MJ n'est pas mauvaise. Et trois pages plus loin, tu tombes sur une page "It-list de la rédaction" avec plein de produits de it-beauté pour te rendre it-belle.

Sinon, je me méfie toujours de l'accessoire marrant en mode surtout passé 14 ans. ça m'évoque ce revival Hello Kitty pour jeunes adultes qui me laisse perplexe. Et pourtant, j'adorais Kitty, gamine.

Giorgia March 30, 2009 at 12:14 PM  

Mi piace molto questo post che riassume alcune delle mie stesse idee riguardo al "fenomeno it-bag".
Secondo il London Times e il Wall Street Journal, la it bag sarebbe morta, ma secondo me qui in italia imperversa la convinzione che lo status derivato dagli oggetti sia migliore (e più convincente agli occhi degi altri) rispetto allo stile personale, proiettando un'immagine di sè fuorviante, e un pò ridicola.
Tra l'altro che senso ha indossare una borsa,falsa per di più,che tutti hanno (sempre in versione falsa)? Perchè le persone desiderano omologarsi a tutti i costi?
Non si può essere "stilosi" e creativi con le risorse che abbiamo a disposizione?

rossovelvet March 30, 2009 at 12:35 PM  

GMM power.... bravissima !
Piu che it-bag però secondo me conviene -oltre a borse piu o meno divertenti da ruotare- una classic bag: intesa come qualità, e destinata a vivere a luuuuuungo con la sua proprietaria.
Ma poi parlo, parlo, ma l'anno prossimo mi compro una Stam... vabbé, mi dico che non è COSI tanto it-bag e riconoscibile e poi ormai gira da qualche anno... mah !

ed March 30, 2009 at 1:34 PM  
This comment has been removed by a blog administrator.
tuzifashiontips March 30, 2009 at 2:36 PM  

io non sono per le borse di marca, è ovvio che mi piacciono e che se me le potessi permettere probabilmente ne avrei più di una nell'armadio, ma credo che sarebbe più facile riempire il mio armadio con milioni di borse pagate molto meno e senza nessun marchio visibile, non mi piace ostentare la marca delle cose che porto (beh non è che abbia tutte queste grandi cose di marca nel mio armadio...anzi...!)
Le pochette mi piacciono tantissimo, ma le trovo poco pratiche, soprattutto per me che ho sempre milioni di cose nella borsa e credo che non sarei capace di rinunciare alle mie borse enormi (soprannominate borse-valigia dalla sottoscritta) e possibilmente che si possano portare sia a spalla che ha tracolla, per me è come avere 2 borse in una e la mia schiena ovviamente ringrazia :)

L'armadio del delitto March 30, 2009 at 2:46 PM  

AlicePleasance: è pazzesco quanto più che ogni altro paese, l'Italia sia quello delle it-cose. è tristissimo, mi da l'impressione che qui la gente ami essere consumatore, che sia appassionata di consumo. Senza parlare del risultato catastrofico per quanto riguarda lo stile, senza nessuna creatività.

Se per caso trovi una macchina del tempo che funziona, sono d'accordo per partire con te!

Bonnie: n'ayant jamais sacrifié un bras pour un it-bag, je n'avais jamais pensé qu'il fallait ensuite utiliser l'autre. J'ai bien fait de rester entière.

Je déteste les accesoires marrants et régressifs chez les adultes. ça me donne l'impression que la fille qui a un truc Hello Kitty ou équivalent (je ne sais pas chez vous mais en Italie, c'est la mode des fées, beurk) va se mettre à parler avec une petite voix de petite fille en donnant des surnoms bébé à tout le monde. Une telle image me glace le sang.

Céline March 30, 2009 at 2:58 PM  

Je n'ai pas de it-bag et je porte ce qui me sert de sac à main en bandoulière : j'ai tout compris ! Si je t'ai bien suivie !

L'armadio del delitto March 30, 2009 at 3:01 PM  

Giorgia: benvenuta! Dici esattamente tutto ciò che penso. Dovrei assumerti per scrivere i miei post! Le it-cose non moriranno mai in Italia, è troppo triste!

Rossovelvet: la borsa classica, ecco la soluzione! In bella pelle di qualità, con una forma che non passa di moda, un color che migliora con gli anni... Ne ho tre così!

Ed: my blog is not made for advertisement.

Tuzina: il problema delle it-bag non è solo il prezzo: è soprattutto il cattivo gusto. Anche se ricevessi una borsa Gucci, non la userai perché per me è il colmo della volgarità: niente stile, niente delicatezza, quanto sono tamarre le borse italiane (vere, false, care, gratis... tamarre tutte)!

L'armadio del delitto March 30, 2009 at 3:02 PM  

Céline: tu es donc une it-girl 2009 :D

Dudù March 30, 2009 at 3:21 PM  

Beh... le borse sonoo sempre l'accessorio più fetish per le fashion victim... io non concepisco ne la pelle vera ne la pelliccia... gli animali non si devono toccare... ci sono delle imitazioni meravigliose di pelle di serpente, di cocco... ecco... preferisco quelle... per quanto riguarda le borse che ritengo più interessanti: Prada, Marni, Chloé

lucille March 30, 2009 at 5:16 PM  

Jadore tes articles ! Personellement je n'ai jamais aimé les it bags louis vuitton et DG ( surement a cause des fashionista surmaquillé de mon college qui en porte tous un ( ce sont des faux bien sure !)je préfére les sacs rigolo !
Tu as choisi de tres belle photos !

Modeuse Boudeuse March 30, 2009 at 5:41 PM  

Mi piace molto la tua analisi ! Anch'io sono contenta della morte annunciata della dittatura del it-bag che ha provocato questa deriva consumerista. Mi dispiace molto che in Italia il fenomeno sia così forte, e questo mi conforta nell'idea che gli Italiani sono capaci di creare le cose più belle insieme a quelle più brutte.

Selvaggia March 30, 2009 at 7:28 PM  

Come sai io sono una appassionata di borse. E nel mio armadio ho anche dei pezzi molto forti. Però dipende dal perchè le acquisti. Io lo faccio perchè piacciono a me e me le posso permettere (almeno per ora). Se un giorno (e potrebbe capitare data la crisi che c'è in giro) non dovessi più potermele permettere me le venderò e sarò contenta di essermele godute almeno per un po'. Per me. E per nessun altro.
Se la si porta come status symbol allora significa che c'è qualcosa che non va in termini di sicurezza ed è su queste insicurezze che il marketing di varie case di moda ha fatto leva per proporre il cult delle IT bags.
Un bacione!

b-chic March 30, 2009 at 7:30 PM  

Da quando ho iniziato a girare nelle altre capitali della moda, Parigi-NewYork-Londra, ogni volta che torno a Milano, mi sembra di tornare in un paese del terzo mondo...Non solo nei servizi in generale, ma anche nello stile di vita e nel modo in cui la gente si veste siamo indietro 50 anni rispetto all'estero...All'estero ci sono duemila locali, uno diverso dall'altro, uno via l'altro; puoi mangiare biologico, vegetariano, etnico, anche al bar più sfigato trovi dei menù originali! Qui da noi, non so se ci avete fatto caso, la maggiorparte dei bar fanno tutti le stesse cose, il panino con la frittata/il panino con la cotoletta/la pizza...e anche nel vestire, basta che la velina di turno a "striscia la notizia" o a "quelli del calcio" si metta un capo nuovo e subito tutte le consumatrici dai 20 ai 30 anni, ma purtroppo a volte si vedono anche quelle di 40 anni, diventano matte per cercare quel capo...Siamo il paese della mafia e della chiesa, ci sarà un motivo!

le neko March 30, 2009 at 7:44 PM  

je trouve ça ridicule. Il suffit qu'un magazine dise que le it-bag est mort pour que tout le monde se mette en quête du cheap-bag-mais-fashion-quand-même.
Les sacs en bandoulière j'en ai souvent porté, je n'aime pas les petites hanses, tellement petites que ton sac te colle le dessous de bras. Par contre en bandoulière, ça fait pas sportif si tu en choisis un féminin.

L'armadio del delitto March 30, 2009 at 9:14 PM  

Dudù: sono d'accordo con te per quanto riguarda gli animali.. sono vegetariana da 15 anni. è anche per questo che il fatto di collezionare borse invece di averne un paio e basta mi da fastidio.

Lucille: j'imagine tout à fait les files surmaquillées de ton collège qui ont un faux D&G! Elles me font bien rigoler!

Modeuse boudeuse: brava, l'Italia è il paese degli estremi: non sai mai se devi aspettarti al peggio o al meglio.

Tiana Couture's Addict March 30, 2009 at 9:17 PM  

J'adore ton sac!!^^fabuleux

L'armadio del delitto March 30, 2009 at 9:28 PM  

Selvaggia: in realtà, non critico il fatto che una ragazza paghi caro la sua borsa, anzì, sono molto sensibile alla qualità delle cose - soprattutto le borse. E quindi niente disprezzo per chi prova grande piacere a possedere una bellissima borsa piuttosto che a comprare diecine di cose che butterà in fretta. Ciò che non mi piace è quando la marca è troppo in vista, perché è volgare. E poi sono poche le marche italiane di lusso (o non) che propongno borse che trovo belle. è strano perché per il resto lo stile italiano mi piace molto. è così!

b-chic: hihi, c'è l'hai con l'Italia! Anch'io, ma essendo straniera non posso criticare troppo...
Non guardo più la TV perché fa troppo schiffo (la scoperta dell'esistenza delle veline è stata l'esperienza più traumatizzante della mia vita), invece cercando bene locali originali ci sono ma... non daperttutto come in altri paesi!
Anche per i blog siamo indietro: guarda quanti sono all'estero, mentre noi siamo pochissimi!

le neko: oui moi aussi j'aime bien les sacs en bandoulière. Au moins je ne les perds pas! Sinon le problème de suivre la mode sans réfléchir, c'est la mouton-attitude, comme dans n'importe quel domaine...

L'armadio del delitto March 30, 2009 at 9:29 PM  

Tiana Couture's addict: bienvenue! Merci!

Eve G. March 31, 2009 at 11:14 AM  

Ah ben d'accord je viens de voir que mon commentaire n'avait pas marché!
Et ben : Moi j'ai déja plus de bras à cause des chaussures alors je vais pas acheter un it bag qui tiendra pas parce que j'ai plus de bras! (si t'as suivi)
Bref mon sac je l'ai depuis 5 ans et il est bien patiné maintenant.

Et sinon tu m'as trop fait rire quand tu as parlé des filles Hello Kitty etc... C'est vrai que tu t'attends à la voix d'Anette dans Premiers Baisers c'est assez déconcertant!

etwas March 31, 2009 at 11:52 AM  

" Ma la cosa interessante, è che Carine R e le sue amiche si mettono dal giorno all’indomani a portare la loro borsetta Chanel a tracolla con l’aria conquistatrice tipo ho-appena-creato-questo-nessuno-spirito-geniale-ci-aveva-pensato-prima-di-me"

ecco, io ti adoro il tuo blog proprio per questi lampi di genio!

isabelle March 31, 2009 at 1:44 PM  

J'adore ton post !!! Tout y est juste et drôle... Plus moches les it-bags en Italie? J'en ai peur, oui, et hélas... pour un pays spécialiste en maroquinerie... J'ai pour témoin l'effroyable stock de sacs proposés au marché de Vintimille.

tuzifashiontips March 31, 2009 at 2:18 PM  

Si in effetti hai ragione...le borse italiane sono alquanto tamarre!!sarà per questo che adoro quelle francesi/scandinave???(mi sa che nn sono nata solo nell'epoca sbagliata, ma anche nella nazione sbagliata mannaggia!!mi rifarò nella prossima vita e mi aggrego alla combriccola x il viaggio nel tempo!!!)

L'armadio del delitto March 31, 2009 at 2:40 PM  

Eve G: je n'avais pas pensé qu'on pouvait déjà avoir perdu un bras pour autre chose, des chaussures par exemples. Alors effectivement il serait sage de garder l'autre pour un sac patiné. J'aime beaucoup le cuir patiné d'un sac qui a bien vieilli, c'est élégant, doux, et puis c'est la preuve qu'on a plein de souvenirs en commun.
Sinon j'ai le meme age que toi et les memes références télé: haha je l'avais oubliée Anette!

Etwas: grazie! è troppo facile prendere in giro Carine R & co!

Isabelle: merci!! N'est-ce pas qu'ils sont moches les sacs italiens! Et pourtant j'en ai un artisanal acheté à Florence qui est une merveille. Mais c'était un coup de chance. Quel dommage de faire tant de choses moches étant donné leur savoir-faire!

Tuzina: ho visto stamattina sul tuo blog che infatti i tuoi gusti di borse sono ben poco italiani! Quando il viaggio nel tempo è pronto, ti chiamiamo!

babyMy' March 31, 2009 at 6:18 PM  

oddio le it-bags che tasto dolente!!!!! anche se avessi una quantità infinita di soldi MAI li spenderei per una borsa loggata e straimitata da portare in maniera trionfante al braccio...gli accessori dovrebbero essere quel quid che ti risolve una mise, qualcosa di originale che anche con t-shirt e jeans ti fa apparire diversa...cosa che una lv loggata al braccio non fa. è un'omologazione che ormai non è neppure più per ricchi: basta avere 10 euro e il "marocchino di fiducia"!

nientefiori March 31, 2009 at 7:16 PM  

Le it-bags sono anche una mia personale crociata, e dire che adoro le borse e mi piace l'idea di comprarmi una bella borsa di tanto in tanto. Solo che se ne vedono troppe di queste borse di plasticaccia con la marca in evidenza, a prezzi astronomici oppure a false a due lire, e sono davvero ovunque. In molte poi sembrano pensare che nel momento che indossano uno di questi cosi riconoscibilissimi sono già "vestite bene" anzi sono elegantissime, e sembrano pensare che quella tale fantasia scozzese o quell'altra con la carta geografica, per esempio, si sposino davvero con proprio TUTTO quello che hanno nell'armadio. Che tristezza. Condivido davvero tutto quello che ho letto, ma soprattutto trovo drammaticamente vero che ormai più che un paese di appassionati di moda siamo un paese di appassionati di consumo.

L'armadio del delitto March 31, 2009 at 11:16 PM  

BabyMy: mi piace molto l'espressione "da portare di manera trionfante al braccio": è semplice ma azzecato.

nientefiori: benvenuta! Infatti l'Italia è un paese di appassionati di moda e purtroppo di appassionati di consumo. Che peccato!

Anonymous April 1, 2009 at 11:40 AM  

Ciao, ho trovato x caso il tuo blog ed è la prima volta che commento! concordo con tutto ciò che hai scritto, neanche a me piace l'idea di it-bag, poichè sembra che chi ne sia in possesso, divenga improvvisamente onnipotente! è bello incontrare persone che la pensano come te, perchè sembra che se ti azzardi a dire che non spenderesti mai cifre astronomiche x una borsa, subito vieni additata come una persona che non se lo può permettere e che parla così solo x invidia! a me non interessa avere una it-bag, mi accontento di una bella borsa di pelle di buona fattura, anche se non di chissà quale marca, e dal prezzo ragionevole!
ciao da Raffaella

L'armadio del delitto April 1, 2009 at 4:59 PM  

Raffaella: benvenuta! una volta erano i gioielli, gli orologi, e ora sono le borse a servire di segno di richezza, come le macchine! Non è di buon gusto fare così, invece come te ho due o tre belle borse di buona qualità, disegnate bene ma senza firma, e hanno un grande successo fra le mie amiche! Soprattutto quando scoprono il prezzo che mi sono costate!

fool April 1, 2009 at 6:03 PM  

Tu as tout compris!!!

Federica - Inside a bullet with butterfly wings April 2, 2009 at 11:10 PM  

Personalmente io acquisto e/o indosso cose che mi piacciono, a prescindere se siano It o meno!

Per esempio ho scovato un paio di occhiali a goccia celeste chiaro e vi dirò che non ho mai tanto amato essere OUT! ;)

L'armadio del delitto April 3, 2009 at 12:38 AM  

Fool: toi aussi apparemment!

Federica: brava! Così bisogna fare!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates 'Neuronic' by Ourblogtemplates.com

Back to TOP