Friday, July 24, 2009

Je m'en allais, les poings dans mes poches crevées *

Le serate di luglio, quando il caldo umido (quello che fa crescere le ananas sul mio balcone) diventa meno soffocante, usciamo per fare una passeggiata, mangiare un gelato con gli amici e a volte ascoltare del jazz in piazza, e torniamo sempre troppo tardi a casa, perché il tempo passa in fretta quando fa quasi fresco e che gli amici sono chiacchieroni.

Les soirs de juillet, quand la chaleur humide (celle qui fait pousser des ananas sur mon balcon) se fait moins oppressante, nous sortons faire une passeggiata, manger un gelato avec les amis et peut-être écouter du jazz sur la piazza, et nous rentrons toujours trop tard parce que le temps passe vite quand il fait presque frais et que les amis sont bavards.


In questi momenti ho sempre voglia di ascoltare del Django Reinhardt. Ricordate, in Accordi e disaccordi di Woody Allen, è il più grande chitarrista jazz del mondo che il secondo più grande chitarrista jazz del mondo Emmet Ray (Sean Penn) ammira così tanto che non può fare a meno di piangere o svanire quando lo ascolta. Era pure il musicista preferito di Arthur Rimbaud che si è ispirato da lui fin da giovane. **

Ces moments-là, j’ai toujours envie d’écouter du Django Reinhardt, qui pour la petite histoire était le fameux plus grand guitariste de jazz du monde dans Accords et Désaccords de Woody Allen, que le deuxième plus grand guitariste de jazz du monde Emmet Ray (joué par Sean Penn) admirait tellement qu’il ne pouvait s’empêcher de pleurer voire de s’évanouir quand il l’écoutait. C’était aussi le musicien préféré d’Arthur Rimbaud qui s’en est beaucoup inspiré dès son plus jeune âge.**



Ascoltare del Django Reinhardt, è come bere un bicchiere di vino rosso, è come avere l’estate davanti a se ed è per questo che lo ascolto sempre. Mi rende felice, cosa dire di più?

* “Me ne andavo, i pugni nelle tasche sfondate”, primo verso di La mia Bohème di Arthur Rimbaud.

** Sarei curiosa di sapere quanti fra voi ci hanno creduto! Comunque sono sicura che Rimbaud l’avrebbe apprezzato molto se l’avesse conosciuto!

*****

Ecouter du Django Reinhardt, c’est comme boire un verre de vin rouge, c’est comme avoir l’été devant soi et c’est pour ça que je l’écoute tout le temps. Il me rend heureuse, que dire de plus ?

**Je donnerais cher pour savoir combien d’entre vous m’ont crue! N’empêche que je suis sûre que Rimbaud l’aurait beaucoup aimé s’il l’avait connu !




11 commenti:

Brunhilde July 24, 2009 at 9:03 AM  

..Mon paletot aussi devenait idéal!

Caramel88 July 24, 2009 at 10:59 AM  

Eh che belle atmosfere. Ma lì arriva un pò di fresco allora??? Qui...niente.
Credo che Rimbaud lo avrebbe usato al posto dell'oppio, magari perdeva la realtà dei sensi riempendosi di musica ma poi non so cosa ne sarebbe uscto fuori al posto de "Il battello ebbro", se ne sarebbe prenotato uno per una vacanza ad Honululu :p
Un bacione*

Giuli July 24, 2009 at 11:12 AM  

si io avevo creduto agli anans o.o"
ho letto tutti i tuoi post sono davvero interessanti,questa moda islandese è ...come definirla meravigliosa,stupenda? I sandali con le frangie *_* .Il modo di cui parli delle cose le rende ineressanti e anche sarcastiche a volte,complimenti,di nuovo...quindi,bel blog.

bullesdinfos July 24, 2009 at 5:25 PM  

Tu sais que j'adore quand tu parles de musique ? Non. Ben j'adore !

L'armadio del delitto July 24, 2009 at 6:16 PM  

@ Brunhilde: J'allais sous le ciel, Muse! et j'étais ton féal;

@ Caramel: caldo caldo, voglio andare ad Honolulu con Rimbaud!

@ Giuli: oh grazie! Mi hai creduto per gli ananas? Vedrai che fra un paio di annio sarà vero ;)

@ Bulles: tu sais que tu me fais rougir?

selvaggia July 24, 2009 at 6:47 PM  

tu dici a me che ho scritto bene un post???
Quando scrivi così mi sento davvero piccola piccola.
Bellissimo!

rossovelvet July 26, 2009 at 8:29 PM  

Ahaaaaah quella di Rimbaud è ancora meglio di quella delli ananas ! x)

Pensa che a Alain perdono PERSINO sia francese ( e pure degaulliste, fra parentesi )

E poi sono fierissima di essere 'la fille de Cassavetes', che onore !! Spero che piaccia anche a te però ^^

Grazie ancora x i complimenti, e al prossimo post !!

b-chic July 27, 2009 at 12:00 PM  

Grande! riesci sempre ad emozionarmi...ho le lacrime agli occhi in questo momento!

L'armadio del delitto July 27, 2009 at 7:02 PM  

@ Sevaggia: wow! Grazie!

@ rossovelvet: ma sì, come si può avercela con Alain?
Anche a me piace Cassavetes (M. del Delitto ed io abbiamo gli stessi gusti cinematografici).

@ b-chic: oh, come mi fa piacere! Grazie!

Circe July 31, 2009 at 2:36 PM  

Ooh.. La prima mi ricorda il film Chocolat..
:)

L'armadio del delitto July 31, 2009 at 6:33 PM  

@ Circe: ah sì? Non ho visto il film.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates 'Neuronic' by Ourblogtemplates.com

Back to TOP