Monday, September 07, 2009

Videocracy

“Oddio c’è una trasmissione porno alle 17.00!” ho pensato la prima volta che ho acceso la TV italiana. Avevo 19 anni e non avevo mai visto una velina. La famiglia italiana da cui ero in vacanza mi ha gentilmente presa in giro, ma sono rimasta sconvolta.

“Oh mon dieu, il y a une émission porno à 17 heures!” ai-je pensé la première fois que j’ai allumé la télé italienne. J’avais 19 ans et je n’avais jamais vu de velina. Les veline sont les potiches de la télé de mon pays d’adoption dont le seul rôle est d’être très déshabillées. La famille italienne chez qui j’étais en vacances s’est gentiment moquée de moi, mais j’ai été vraiment choquée.


Due anni dopo, sono venuta a fare l’Erasmus a Bologna, e ho scoperto che i miei coinquilini non facevano altro nella vita che sbavare davanti alle veline, letterine, stupidine.

Quando sono andata a vivere con il signore del Delitto, abbiamo deciso di non avere la TV perché in Italia, la TV è Il Male.

L’ultima volta che ho guardato la TV da un’amica, c’era Alessandra Mussolini che raccontava la sua vita sessuale e credetemi, ho fatto degli incubi per settimane!

Dato che il trailer di Videocracy, il documentario di Erik Gandini sull’impero mediatico di Berlusconi, è stato censurato in TV (evviva la libertà di parola!), mi sono incuriosita e l’ho visto questo week end.

Il film, presentato alla mostra di Venezia il 3 settembre e uscito nelle sale il giorno dopo, descrive come si muovono gli animali del grande zoo della TV italiana, gli squali di una parte, le pecore dell’altra, e molta carne dappertutto.

"L'ho girato - spiega Gandini su Repubblica - perché volevo capire quest'idea così potente, paurosa, che è alla base della tv commerciale made in Italy. La logica surreale, cinica, che ne è alla base. E anche perché in Svezia dell'Italia e di Berlusconi si ride, e volevo dimostrare che non c'è nulla da ridere: e infatti, dopo che lì hanno visto una pellicola, l'hanno definita un horror".

*****

Deux ans plus tard, je suis allée à Bologne en Erasmus, et j’ai découvert que mes colocataires passaient leurs journées à baver devant les veline.

Quand je me suis installée avec M. del Delitto, nous avons décidé de ne pas avoir la télé, car en Italie, la télé c’est Le Mal.

La dernière fois que j’ai allumé la télé chez une copine, il y avait Alessandra Mussolini (si si, la petite-fille de Benito Mussolini) qui racontait sa vie sexuelle et croyez-moi, j’en ai fait des cauchemars !

La bande-annonce de Videocracy, le documentaire d’Erik Gandini sur l’empire médiatique de Berlusconi, notre président du conseil, a été censurée à la télé (vive la liberté d’expression dans ce pays !), ce qui m’a intriguée. Je suis donc allée voir le film ce week end.

Le film, présenté à la Mostra de Venise le 3 septembre dernier et sorti dans les salles le lendemain, nous fait rentrer dans le grand zoo de la télé italienne, entre puissants requins et moutons idiots, avec beaucoup de viande partout.

“Je l’ai tourné – explique Gandini sur le journal Repubblica – parce que je voulais comprendre cette idée si puissante, effrayante, qui est à la base de la télévision commerciale typiquement italienne. La logique surréelle, cynique, qui en est à la base. Et aussi parce qu’en Suède, on rit de l’Italie et de Berlusconi, et je voulais prouver qu’il n’y a pas de quoi rire : et en effet, après avoir vu le film là-bas, les gens étaient horrifiés".


“Basta apparire” dice il sottotitolo, ma aggiungerei “Basta apparire in perizoma”. Se il film segue soprattutto il percorso di qualche squalo, l’agente televisivo mussoliniano Lele Mora o il paparazzo Fabrizio Corona, ciò che più mi ha fatto stare male è a che punto la TV ha distrutto la dignità della donna.

Donna?
Ballerina per adulti.
Buffona che si lascia toccare.
Prostituta per gli occhi.
All’ora di merenda.
Sogno di carriera per le ragazzine.

La TV è un’ottima babysitter.

Il documentario appunto fa luce sul cinismo del messaggio che fa passare la TV alla gente: Non sei nessuno? Non sai fare niente? Hai un bel corpo? Forse sei il prossimo che diventerà conosciuto grazie a noi. Basta apparire.

Gli stranieri però, si chiedono perché gli Italiani sono così menefreghisti o così fatalisti davanti a questo orrore, e perché le donne sono troppo occupate ad invidiare le misure perfette delle veline per ribellarsi.

Pane e giochi. Niente di nuovo. Io dico: spegnete la TV, è il miglior modo di fare smettere questa buffonata.

Vi lascio con Vasco Rossi che dice tutto questo molto meglio di me in Delusa:

Eh....sì!...papà è geloso
e così..... non ti lascia uscire!..... Però "in televisione" sì.....
chissà perché!.....

*****

“Basta apparire”, c’est-à-dire “ il suffit de passer à la télé” dit le sous-titre, mais j’ajouterais “il suffit de passer à la télé en string ». Si le film suit surtout le parcours de quelques requins dont le puissant néo-fasciste Lele Mora et le paparazzi VIP Fabrizio Corona, ce qui m’a le plus frappé est à quel point la télé a détruit la dignité de la femme.

Femme?
Danseuse pour adultes.
Bouffonne qui se laisse tripoter.
Prostituée pour les yeux.
A l’heure du goûter.
Rêve de carrière pour les adolescentes.

La télévision est une excellente baby-sitter.

Le documentaire, justement, met en valeur le cynisme du message que fait passer la télévision italienne aux téléspectateurs: vous n’êtes personne? Vous ne savez rien faire ? Vous avez un beau corps ? Vous deviendrez peut-être bientôt célèbre grâce à nous. Il suffit de passer à la télé.

Vu de l’étranger, on peut se demander pourquoi les Italiens ne réagissent pas devant cette horreur, pourquoi ils sont si fatalistes où indifférents. En outre, il semble que les femmes sont trop occupées à essayer d’avoir le corps parfait des veline pour se rebeller.

Du pain et des jeux. Ce n’est pas nouveau. Moi je dis aux Italiens : éteignez la télé, c’est le meilleur moyen de faire cesser cette mascarade.

Je vous laisse avec le chanteur Vasco Rossi qui raconte la vie d’une velina dans Delusa. Je trouve particulièrement vrai le passage où il chante :

Eh… oui ! Papa est jaloux
Et donc… il ne te laisse pas sortir ! … Mais "à la télévision" si…
Mais pourquoi donc ?


Grazie a Gio che mi ha segnalato questo film!
Merci à Gio de m’avoir signalé ce film !




25 commenti:

Le Journal de Chrys September 7, 2009 at 7:29 AM  

Est-ce qu'il sera visible en France???? Enfin, en français...

Oui, cette Italie est surprenante avec son Berlusconi national (mais peut-être aussi la France vue de l'extérieur). M'enfin, je me suis toujours étonnée de voir qu'un "peuple" puisse voter pour ce "mec" macho, gigolo et ringard.

Sur la blogo, certaines se sont ruées sur le nouveau mag GRAZIA, pas moi: c'est Berlusconi le proprio.

Bonne journée!!!!

Sarah September 7, 2009 at 8:01 AM  

Waouh ! Robin des Bois des temps modernes... J'hallucine déjà avec ta petite vidéo, je n'ose imaginer le film. Je n'ai jamais imaginé l'empleur de cette dictature Berlusconienne. Le gars le plus dégoûtant que l'on puisse voir. C'est à te débecter des hommes. Entre nous, mon beau-père quei ne comprend pas l'italien, au début que je connaissais mon mari (il y a 15 ans) il zappait et restait sur la TV italienne. Inutile de te dire que le jour où mon homme l'a fait Nous avons eu une bonne discussion.
15 ans après ça a l'air pire. Avec ces toutes jeunes filles qui doivent tailler ces veiux porcs dans l'espoir de quoi ?? Je me le demande....Purée, mais il est juste 8 h du mat !!!

Nathalie September 7, 2009 at 8:35 AM  

La televisione (e l'informazione) italiana è un orrore. Sarà per questo che, anche io e Davide, nella nostra casa, non avremo la tv.

Brown Sugar Girl September 7, 2009 at 9:44 AM  

Moi aussi, la télé italienne me débecte. Rai1 passait souvent en fond chez moi (des parents ayant vécu un peu en Italie) et j'étais déjà choquée par l'indifférence avec laquelle on - les présentateurs et les spectateurs - regardait les potiches sur le plateau.
Deux conséquences aujourd'hui : je me sens féministe et je n'ai pas la télé.
Apparemment ça n'a pas le même impact sur les petites filles de là-bas ?

Brunhilde September 7, 2009 at 10:13 AM  

Ma guarda! Un'altra affinità (oltre al nostro amico da Rotterdam, che ci ha portate ad amare altre Patrie) con me: nemmeno Siegfried ha la tv. Ti confiderò anche: è stata la prima cosa che ho adorato senza riserve in lui, quando ha detto che non gli piaceva perché fa solo perdere tempo. E tieni presente che qui i programmi, in confronto con l'Italia, sono per accademici, eh! Insomma, se guardi le reti di Stato (per cui si paga un canone ben superiore alla RAI, ma si capisce pure perché: programmi per bambini che non li fanno diventare deficienti -die Sendung mit der Maus- e soprattutto dopo le 20 nessuna pubblicità, niente donnine oggetto dappertutto) noti ancora la differenza con le reti private.
Cos'altro posso aggiungere? Che dalla primissima volta in poi (1996) ho sempre specificato con imbarazzo di non riconoscermi nel Mainstream del mio Paese? Questo te lo dirà anche la nostra amica Piperpenny, perché sono sicura che passerà di qui.
Tuttavia, i tedeschi ormai hanno smesso di chiedermi "ma come fate..?", ne hanno semplicemente preso atto. Pacificamente. Malheureusement. Ed io, tornando in Italia (vedere il mese scorso) ho iniziato a vederla con gli occhi di un estraneo..
:-S

gio - il mio carnet di viaggio September 7, 2009 at 11:32 AM  

buongiorno. grazie per avermi linkata :) in effetti la canzone di vasco rossi è perfetta... non ci avevo pensato. buona giornata

L'armadio del delitto September 7, 2009 at 12:24 PM  

@ Le Journal de Chrys: je crois que le film sortira un peu partout. Il est déjà dans quelques salles en Suède.
Sinon moi non plus je n'achèterai pas Grazia!
Le monde entier se demande pourquoi les Italiens votent pour Berlusconi. C'est simple: 80% d'entre eux reçoivent la totalité des informations par la télé, qui est très très très controlée et censurée. La plupart des Italiens ne savent pas que ce film existe, ne savent rien sur rien. La télé l'a rendu tout-puissant. Tu comprends à quel point décider de ne pas avoir la télévision en Italie est un acte de protestation politique.

@ Sarah: oui, la télé italienne empire car le mou télespectateur ne doit surtout pas en avoir assez et se réveiller. Le pouvoir de Berlusconi est basé là-dessus.

@ Nathalie: bravissimi! Mi sento meno sola.

@ Brown Sugar Girl: indifférence? Non, bave au coin des lèvres.
Non seulement cela influence fort mal les fillettes, mais aussi les petits garçons: pour eux la femme est ou leur maman, ou les veline. Tiens, le vieux discours mditerranéen!

@ Brunhilde: ah sì, i tedeshi hanno smesso di farti questa domanda? I francesi me la fano sempre. Comunque noto che le italiane che mi commentano oggi sono poche, e o abitano all'estero come te, o hanno una doppia nazionalità. Ma dove sono le altre? Che cosa pensano dell'immagine della donna? Sono d'accordo con ciò che succede? Preferiscono non parlarne? Sognano di fare le veline per sposare un calciatore?

@ Gio - Il mio carnet di viaggio: grazie ancora! La canzone di Vasco è particolarmente crudele e vera!

Brunhilde September 7, 2009 at 1:01 PM  

Andiamo per ordine:
1. hanno smesso di chiedere perché, dopo 15 anni che i miei connazionali si ostinano a bersi le promesse di: pensioni più alte, miliardi di posti di lavoro, meno tasse per tutti, Grandi Opere a pioggia e via discorrendo, vuol proprio dire che il vecchio motto "ogni Paese ha i politici che si merita" è vero. Stop.
2. Molte delle lettrici, probabilmente, sono under 30, il che vuol dire che, a differenza della sottoscritta, non hanno mai votato in epoche anteriori all'avvento di FI. Io, invece, me lo ricordo bene quel periodo, anche se iniziavo appena a godere dei miei diritti civili. Se cresci vedendo quell'omino dappertutto, è un po' come vivere davvero nel mondo di 1984. Alla fine vuoi bene al Grande Fratello, fa parte del tuo mondo. E molti connazionali, anche più anziani, si sentono comunque offesi da tutto questo ridere dietro all'Italia che c'è all'estero, e si chiudono a riccio.
3. Considerazione finale: una protesta, o anche una semplice dichiarazione di disaccordo, finirebbe per equivalere sicuramente ad un'ammissione di simpatia per quell'omino.. Padronissime, eh!, per l'amor di Dio!

Virginia September 7, 2009 at 1:57 PM  

Interessante, grazie per averne parlato.
Non so voi ma da quando c'è il digitale terrestre io provo ancora piu' disgusto e rifiuto per la tv, omologazione pura e plagio delle menti.
Preferisco guardare dvd e navigare sul web, cercando di informarmi, perchè nella tv italiana ormai non ci sono neppure notizie nei telegiornali.Tutto è finto e si parla solo di gossip...
Spero che qualcosa cambierà, io cerco di farlo nel mio piccolo.
Un bacio

Anonymous September 7, 2009 at 2:04 PM  

Ciao.
Allora, io ho 20 anni, sono italiana, e ho un passato da vera teledipendente. Sebbene la mia preferenza sia sempre andata a film e telefilm stranieri (principalmente americani),nel corso degli anni ho guardato programmi italiani decenti, programmi carini, e anche grandissime "stupidate"; però sinceramente penso di essere stata sempre consapevole del valore (o disvalore)di quello che stavo guardando. Perciò mi danno fastidio i discorsi triti tipo il tuo, perchè non mi va di sentirmi una "lobotomizzata" dalla televisione. Insomma, di base sono d'accordo con quello che dici, in tv mandano cose oscene, però io preferisco avere fiducia nella capacità di giudizio e di discernimento del singolo individuo, piuttosto che dare credito all'immagine canonica e forzata della "massa" ipnotizzata e succube.

L'armadio del delitto September 7, 2009 at 2:50 PM  

@ Brunhilde: allora:
1- la demagogia. I vecchi metodi sono i migliori.
2- Verissimo. Troppo giovani.
3- Verissimo ancora una volta.Dai che alla fine fa le battute e canta!

@ Virginia: meno male che c'è Internet! è anche il miglior modo per lottare contro la censura!

@ Anonima: è appunto di questo che parla il documentario.
La voce di Wikipedia sul film, appena creata, ne parla così:

"È un'analisi del potere della televisione e di come essa influenzi comportamenti e scelte della popolazione italiana, di come essa sia entrata nella vita quotidiana come principale fonte di informazione per la quasi totalità delle persone. Gandini focalizza l'attenzione soprattutto sull'impero mediatico di Silvio Berlusconi e di come questo gli abbia permesso di ottenere consensi alle urne. Rai e Mediaset si sono rifiutate di trasmettere il trailer".

http://it.wikipedia.org/wiki/Videocracy_-_Basta_apparire

paola September 7, 2009 at 2:55 PM  

bello questo post! sabato sera volevo proprio andare al cinema per vederlo, ma poi non se n'è fatto niente. Presto dovrò correre in sala a vederlo

PUNKIE September 7, 2009 at 3:31 PM  

mamma mai... la tv in italia è davvero scandalosa. poi ci si meraviglia se delle 14 enni vanno in giro mezze nude... per forza!!! che schifo!
cmq mi ispira questo film, lo voglio vedere!

Ella September 7, 2009 at 3:59 PM  

Non sai come mi sento capita. Sin dall'inizio tutti i programmi della tv mi sono sembrati uguali: un vecchio circondato da ragazze mezzo nude. Prendo spesso in giro il fratello del mio ragazzo, che rimane ipnotizzato da queste veline in mutande. E chiedo spesso in giro com'è possibile che la tv sia così... spudoratamente vergognosa. Hai mai fatto caso alla pubblicità delle riviste? Sia una pubblicità di gioellli, di scarpe, di quello che vuoi, le immagini sono sempre talmente oscene... Io, infatti, appena vedo la tv (qualche film o telefilm straniero). Il peggio è che devi addiritura pagare un canone, per vedere cosa? Delle veline ignoranti (ho sentito delle cose assurde) in reggiseno.

bullesdinfos September 7, 2009 at 4:57 PM  

Sujet très intéressant,d'autant que je sais qu'il te tient à cœur, tu en as déjà parlé ici plusieurs fois. Entre image déplorable de la féminité et exploitation, on ne sait plus à quel saint (sein ?) se vouer.

Je vais me renseigner pour voir si ce film est visible ici...

gio - il mio carnet di viaggio September 7, 2009 at 4:58 PM  

anonima: io credo che non tutti siano in grado di avere la consapevolezza che hai tu. per tante persone la tv è la prima e in alcun casi anche unica fonte di informazione. ma quante notizie vengono distorte e manipolate? perchè non c'è chiarezza?http://www.youtube.com/watch?v=9blS8S_J_I4
si alimenta il mito del grande fratello, del fare fortuna e cambiare vita e tanta gente ci prova, il ragazzo del film parlava proprio di questo... dici di avere fiducia nella capacità di giudizio e di discernimento del singolo individuo ma allora come ti spieghi che un ministro prima di arrivare a quella poltrona abbia fatto un calendario seminuda ( e lasciamo perdere le intercettazioni), o una barbara matera candidata e votata da quel popolo che tu rifiuti di definire narcotizzato dalla tv?

...Stefi... September 7, 2009 at 6:05 PM  

Heheheh...terribile la tv in Italia...!!! Ma tesoro...tu che sei di Torino...conosci qualche negozietto vintage carino...???...mi sono innamorata dell'ultimo aggiornamento di shopping vintage di Nathy...e ho pensato a te per reperire quelche info...!!! Bacioniiii...

Eve G. September 7, 2009 at 7:29 PM  

grazia c'est à Berlusconi ?
mama mia!!
je savais pas !

Moi j'ai pas eu la télé pendant 21 ans.

ouais.

(sinon je ne sais pas trop quoi dire sur ce sujet qui n'ait pas déja été dit... c'est consternant)

L'armadio del delitto September 7, 2009 at 11:26 PM  

@ Paola: te lo consiglio! è proprio interessante!

@ Punkie: per forza! Le ragazzine vedono l'esempo delle veline ogni giorno da anni! Che triste!

@ Ella: molto importante il vecchio schifoso fra le ragazze in mutande!
Le pubblicità sono deprimenti: come tali foto possono dare voglia di comprare?

@ Bulles: je crois qu'il finira par sortir en France. Tu seras au courant, car j'imagine que la télé française ne censurera pas la bande-annonce!

@ Gio - il mio carnet di viaggio: che video! Quasi quasi mi metterei a suonare il violino con le lacrime agli occhi!
... fa paura!

@ Stefi: via delle Orfane c'è ne uno (magnifico ma un po' caro) dove però ho trovato gli stivali e la borsa dei miei sogni. In un'attraversa c'è ne un'altro, poco caro e meno magnifico ma molto simpatico. Devo ritrovare i nomi e gli indirizzi!

@ Eve G: Berlusconi c'est Rastapopoulos: il a tout et il est partout.

"Armateur, propriétaire de chaines de jounaux, de radios et de télévisons, propriétaire de firmes cinématographiques et de lignes aériennes, marchand de perles et de canons, marchand d'esclaves, (...) est l'homme qui a permis à Bab El Ehr de prendre le pouvoir. Mais, patience! Bien mal acquis ne profite jamais!" (Coke en Stock, p. 31, éd en 1958).

La mère Minos September 8, 2009 at 12:23 AM  

Ben moi, je dis qu'on l'a échappé belle ! Heureusement que la Cinq a déposé le bilan en 1992 (pour celles qui seraient trop jeunes pour s'en souvenir ou qui n'avaient pas la télé à l'époque, La Cinq était une chaîne française appartenant au groupe de Silvio Berlusconi). La seule veline qui est arrivée jusqu'à nous était Amanda Lear (qui voudrait lui ressembler ?) !
Ce que j'ai vu sur ton blog m'a donné froid dans le dos et l'envie de crier :"Vive Arte !"

Anonymous September 8, 2009 at 6:20 PM  

gio- Non penso di essere ingenua o troppo ottimista; semplicemente non ho voglia di passare il tempo a inacidirmi criticando aspetti di questo paese che tutti criticano costantemente e in maniera, a quanto pare, sterile. Dal momento che, almeno per adesso, non posso andare a vivere da un'altra parte, preferisco avere un minimo di fiducia nella realtà in cui vivo; e non parlo di "popolo" italiano, ma di me stessa e delle persone che mi circondano, ovvero di persone che conosco davvero e sulle quali posso esprimere un giudizio piuttosto che un pregiudizio. E ti posso dire che tutte queste persone (i miei familiari, i miei amici, io) non sono "narcotizzate dalla tv", nonostante abbiano la tv in casa e la guardino spesso. Se generalizziamo finiremo col dire cose patetiche come "le ragazze italiane non commentano perchè sognano tutte di fare le veline e sposare un calciatore".

rossovelvet September 8, 2009 at 6:47 PM  

Era ora che ci fosse un'alternativa al 'Caimano' in quanto a cinema critico... che schifo.

L'armadio del delitto September 8, 2009 at 7:17 PM  

@ La mère Minos: je me souviens de la 5 mais je n'étais pas bien grande. Oui, ça fait froid dans le dos.

@ Anonima: dato che una cosa mi rivolta - la TV italiana - ho 4 possibilità:

1- Chiudere gli occhi, accettare tutto, sottomettermi perché insomma, è sterile criticare.

2- Disprezzare l'Italia, perché criticare una cosa precisa - la TV in questo caso - significa disprezzare il paese intero. A questo punto, andarmene a vivere all'estero.

3- Essere un eroe e salvare l'Italia entrando in politica, diventando giudice, sparando a Berlusconi...

4- Denunciare che cosa non va, anche solo fra amici o su un blog come questo, dando un consiglio semplice: spegnete la TV (tutti i telefilm americani si trovano su Internet). è modesto, eh sì.

Ho scelto di vivere in Italia. Critico poco spesso questo paese. Ho sposato un italiano. Lavoro con italiani. No sto incorraggiando la gente ad andare a vivere all'estero. Sto provando a dire agli italiani: su con la vità! Non accetate che la censura e la politica siano legate! Invece di parlare dell'estero, migliorate il vostro paese! Denunciare una cosa che succede non è condannare un paese intero! Tutto bianco o tutto nero non vale!

@ rossovelvet: sarà questo che ha ucciso Mike Buongiorno...

Anonymous September 9, 2009 at 9:41 PM  

1-Piantarla con le critiche sterili non significa chiudere gli occhi e sottomettersi alla cupa realtà, ma significa sfruttare il proprio tempo in maniera più proficua, intelligente e meno noiosa.

2-Dal momento che tu stessa hai detto che la televisione in Italia è fortemente influenzata dalla politica, e che le due sfere, spettacolo e politica, sono strettamente interconnesse, criticare la tv significa criticare questo paese in maniera molto più ampia. E personalmente sono d'accordo con l'idea socratica secondo la quale se le"leggi" del nostro paese non ci piacciono possiamo provare a cambiarle oppure possiamo andarcene; restare e criticare lo trovo francamente infantile e inutile. Inoltre, come credo di aver già specificato, nel mio intervento precedente parlavo di me stessa, di quello che vorrei fare io, non di quell o che dovrebbe fare la gente; e io, per vari motivi, vorrei andarmene dall'Italia (ma questa è un'altra storia...).


3 e 4- Certo, diventare giudici o magistrati sarebbe utile :), ma comprendo perfettamente che ognuno può comunque "fare qualcosa nel suo piccolo", concetto banale ma corretto. E tu hai fatto bene a lanciare questo appello- "spegnete la tv"- sul tuo blog, dal momento che credi in questa cosa e questo è il tuo spazio. Però , mi dispiace, mi infastidiscono le generalizzazioni e la presunzione, e dal momento che i tuoi interventi peccano in entrambi gli aspetti, li reputo, scusa se mi ripeto, "inutili". Pensi che qualcuno che non la pensi già come te leggendo quello che hai scritto cambierà idea? Riceverai solo la comprensione,l'appoggio e le pacche sulle spalle di altra gente insoddisfatta come te da questa situazione (insoddisfazione più che legittima, te l'ho detto); io preferisco non unirmi a questo coro di lamenti, tutto qui. E, così per la cronaca, i telefilm preferisco vedermeli in tv, perchè non sono così insicura da credere che accendendola la mia vita si trasformerà in una schiavitù intellettuale e morale.

Denunciare ciò che succede è giusto, e apprezzo che tu lo faccia, e ad ogni modo questo blog è uno spazio tuo nel quale puoi esprimerti liberamente; però altrettanto liberamente penso di potermi esprimere nei commenti. Non credo di essere io quella che vede tutto bianco o tutto nero, ma col tempo potrei anche cambiare idea...ci rifletterò...
Scusami se ho scritto troppo.
Ciao.

L'armadio del delitto September 10, 2009 at 1:22 AM  

@ Anonimo: Credo di avere capito che la cosa che ti è dispiaciuta di questo post è il fatto che ti è sembrato che ne ho parlato solo così tanto per, e che quindi non è servito a niente tranne a metterti di cattivo umore, mentre avrei potuto parlare di cose più divertenti.

Però piantarla con le critiche sterili per andare a fare cose più piacevoli mi fa pensare a questo vecchio problema:
http://it.wikipedia.org/wiki/Panem_et_circenses

Se avessi voluto ricevere solo pacche sulle spalle, avrei evitato di fare provocazione cattivella (risposta a Brunhilde). Infatti volevo fare reagire qualcuno perché mi sembrava strano che nessuna non sia ancora venuta a fare dibattito.

Il mio scopo non è di convincere la gente a pensare come me. Voglio dire la mia, se possibile in un modo non toppo banale o sterile, perché più punti di vista sentono le persone, più possono farsi un'idea personale di una cosa. Mi è sembrato simpatico di parlare dello stupore di uno straniero che scopre la TV italiana, perché un sacco di gente probabilmente non avrà pensato a che effetto possa fare.

Ho scritto questo post appena dopo avere visto il film Videocracy. Il tono con cui ho scritto era quindi influenzato da ciò che avevo appena visto. Lo scopo del post era di informare dell'esistenza di questo film e dirne qualcosa di personale.

In conclusione, volevo invitare le lettrici a rifflettere, anche solo un po', all'argomento. Poi che siano d'accordo con me o meno non è così importante purché non siano indifferenti. Il fatto che tu sia venuta a commentare più giorni di fila mostra che ci hai pensato e che hai pure organizzato le tue idee per poter riuscire a trasmetterle. Quindi alla fine non è stato sterile il post!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates 'Neuronic' by Ourblogtemplates.com

Back to TOP