Saturday, July 30, 2011

Trop de soleil


How can you gather up your much too short hair when it’s hot (I cut it a bit too short last time)? You wear a foulard and tweezers to make a nice chignon! Here I’ve got a foulard from Turin, by Sete di Jaipur, a brand producing print that remind of India, but in this case they look from the 70s above all. So it’s matched to that 70s skirt that belonged to my mother, who bought it almost vintage in the 80s during something that nowadays is called swap, and that at those times was more humbly called “exchange of clothes among neighbors”. She is amused by youngsters who believe vintage is a new concept!

Come si fa per raccogliere i capelli troppo corti quando fa caldo (li ho tagliati un po' troppo l'ultima volta)? Si mette un foulard e delle pinze per fare un bel chignon! Qui ho un foulard torinese, di Sete di Jaipur, una marca che fa delle stampe che ricordano l'India, ma in questo caso fanno soprattutto anni 70. Così è abbinato alla gonna anni 70 della mamma che, ho scoperto, ha scovata quasi vintage negli anni 80 durante ciò che oggi chiamiamo uno swap, e che all'epoca era più umilmente “scambio di vestiti fra vicine di casa”. Lei si diverte sempre vedendo i giovani che credono che il vintage è un concetto nuovo!

Foulard Sete di Jaipur (Facebook group here, list of Italian shops here)
Blouse Modcloth
Vintage skirt
Miss Sixty shoes




Thursday, July 28, 2011

Sessùn


In France you can find Sessùn anywhere. For my greater happiness. It is one of the brands that are in all the closets (in mine above all). Basic, light clothes, like the perfect white blouse. There’s also the fashion of the moment, with a touch of retro. Up to now I waited for my travels in France or I ordered on the web, but I did not think Sessùn is also in Italy and all over the world!

*****

In Francia si trova Sessùn un po’ ovunque. Per la mia più grande felicità. E’ una delle marche che ci sono in tutti gli armadi (soprattutto il mio). Delle cose basiche, leggere, come per esempio la perfetta camicetta bianca. E poi anche la moda del momento, con un tocco di retrò. Finora aspettavo i miei viaggi in Francia o ordinavo su Internet, ma non avevo pensato che Sessùn è anche in Italia!





Tuesday, July 26, 2011

Vivetta spring/summer 2012





Monday, July 25, 2011

10 ideas worth stealing from the ZZegna SS12 collection

A month ago, as soon as ZZegna fashion show ended, women exclaimed: we want it all! (and I said: I want the bags! And the prints! And the yellow)
Well, let's see which ideas we can steal to the ZZegna men for the next summer.

Un mesetto fa, appena finita la sfilata ZZegna, noi donne abbiamo esclamato: vogliamo tutto! (io ho detto: voglio le borse! E le stampe! E il giallo!)
Bene, vediamo da più vicino che idee possiamo rubare agli uomini ZZegna per il prossimo estate.

The printed t-shirt (you can find a vintage one in your family's closet)
La maglia con stampe (che troverete vintage negli armadi di famiglia)

The brown skin jacket (that everyone has except me)
La giacca di pelle marrone (che tutti hanno tranne me)

These beautiful prints
Queste stampe magnifiche

The jacket with the edges of an other color (it is worth also for the shirts or the dresses)
La giacca con i bordi di un altro colore (vale anche per le camicie o gli abiti)

The XXL bag that everyone loved at first sight
La borsa XXL che è stata il colpo di fulmine di tutti quanti

The summery coat
Il cappottino estivo

The belt with a node, that is on fashion from more than a year. I find the first silhouette appealing.
La cintura con un nodo, che va di moda da più di un anno. Mi piace molto la prima silhouette.

The stripes matched to other prints (beware the mistake)
Le righe abbinate ad altre stampe (attenzione a non sbagliare)

Tailcoats! Yes yes, for women too! Pommes de Claire proposes a beautiful one I have tried.
Il frac! Sì sì, anche per le donne! Pommes de Claire propone un modello molto bello che ho provato.

This one was the last collection of Alexander Sartori for Zegna. He was so moved (we too!)
Questa era l'ultima collezione di Alessandro Sartori per Zegna. Era così emozionato (anche noi!)

Posted by L'armadio del delitto




Wednesday, July 20, 2011

Eudoxie o l'eleganza francese


Bonjour Eudoxie, give me three adjectives to define the French woman.
Taste, spirit, and... a lot of self-confidence!

What cannot be missing in a French woman's closet?
Many things, because the Parisian's closet is necessarily full. If I had to choose the vital minimum: she can wear what she wants given that she matches it together to a beautiful accessory (shoes, bag, clothes or jewel).

The everyday chic but simple outfit.
My one or in general? My one would be: well-polished English moccasins, trousers leaving the ankles visible, a simple shirt and a large bracelet. Easy to slip on. You’re ready in two second (don’t even need to comb yourself) and c' est parti!

Your personal touch?
Always a touch of colour.

*****

Non c'è bisogno di presentare la deliziosa Eudoxie, che è a casa sua su L'armadio! Era naturale che sia lei a chiudere questa settimana francese parlando dello stile francese e di Parigi, la città in cui è cresciuta. Qui sopra una sua illustrazione (stupenda!), e sotto i ritratti che fa di sua sorellina, Ide: non è elegantissima?

Bonjour Eudoxie, dammi tre aggettivi per definire la parigina.
Il gusto, lo spirito e... molta confidenza in se stessa.

Che cosa non deve mancare nell'armadio della parigina?
Molte cose, perché l'armadio della parigina è necessariamente tanto pieno. Se bisognasse scegliere il minimo vitale: può mettere ciò che vuole dal momento che lo abbina ad un accessorio molto bello (scarpe, borsa, vestito o gioiello).

La mise chic ma semplice di tutti i giorni.
La mia o in generale? La mia sarebbe: dei mocassini inglesi lucidati bene, dei pantaloni che lasciano le caviglie in vista, una camicia semplice e un grosso bracciale. E' facile da infilare. Si è pronte in due secondi (non c'è nemmeno bisogno di pettinarsi) e c'est parti!

Il tuo tocco personale?
Sempre un tocco di colore.


This summer's essential?
A one piece swimsuit. The top would be a swimsuit with an integrated golden necklace, but I still haven't found it.

An error never to make.
Making too much.

Your motto?
Break the rules.

A boutique in Paris?
Merci (Boulevard Richard Lenoir). You can both buy creator's clothes, vintage clothes, and design furniture, children interior design or kitchen accessories. The selection is made in an ingenious way. I love all of it.

A French shopping Internet site?
I don't buy online, at least not yet.


*****

L'indispensabile di quest'estate.
Un costume da bagno intero. Il top sarebbe un costume con collana dorata integrata, ma non l'ho ancora trovato.

Un errore da non fare mai.
Esagerare.

Il tuo motto?
Rompere le regole.

Una boutique a Parigi?
Merci (Boulevard Richard Lenoir). Si possono sia comprare dei vestiti di creatori, dei pezzi vintage, sia dei mobili design, arredamento per bambini o degli accessori di cucina. La selezione è fatta in modo geniale. Mi piace tutto.

Un sito Internet di shopping francese?
Non compro online, almeno non ancora.




And the winner is...


... Monica G, greetings!
Thank you all for your partecipation!

... Monica G, complimenti!
Grazie a tutti per la vostra partecipazione al giveaway Laure Mory!




Monday, July 18, 2011

La moda di Madame M la Mode


The French Week goes on (yes I know, we've changed week. Well you'll have to hear about Paris again)! Today the so refined Madame M, a cultivated and stylish woman but also a funny and auto-ironic girl who shares her inspirations with a lot of humor on her blog, Madame M la mode.

Bonjour Madame M, give me three adjectives to define the French woman.
The French woman is a classic, foolish, light, intellectual woman... I find this cocktail delicious.

What cannot be missing in a Parisian woman's closet?
Timeless clothing, the madnesses of the moment and potter things. The last little black dress, vintage clothes from her mother, scarves, blouses, a classic trench she personalized, heels, well cut jeans corresponding to her morphology.

The everyday chic but simple outfit.
A blouse or a shirt with jeans. You can amuse yourself associating some more or less incredible accessories, a turban like Simone de Beauvoir or shoes with breathtaking heels.

Your personal touch?
In last times I've been wearing vintage with very basic clothes that I match with gothic or antique African jewels.

*****

La settimana francese continua (sì lo so, abbiamo cambiato settimana. Beh vi toccherà continuare a sentire parlare di Parigi)! Oggi la raffinatissima Madame M, una persona colta e stilosa che non vi dà del tu subito... ma anche una ragazza buffa e autoironica che condivide le sue ispirazioni con un bell’umorismo e tanto gusto sul suo blog, Madame M la mode.

Bonjour Madame M, dammi tre aggettivi per definire la Francese.
La donna francese è una donna classica, insensata, leggera, intellettuale... trovo questo cocktail delizioso.

Che cosa non deve mancare nell'armadio della Francese?
Delle cose intramontabili, le follie del momento e delle cose lavoricchiate.
L'ultimo tubino nero, dei vestiti vintage di sua madre, dei foulard, delle bluse, un trench classico che ha personalizzato, delle scarpe coi tacchi, dei jeans tagliati bene che corrispondono alla sua morfologia.

La mise chic ma semplice di tutti i giorni.
Una blusa o una camicia e dei jeans. Ci si può divertire associandoci degli accessori più o meno incredibili, un turbante come Simone de Beauvoir o delle scarpe con dei tacchi vertiginosi.

Il tuo tocco personale?
Da poco mi vesto vintage insieme a dei capi ultra basici, che abbino con dei gioielli gotici o dei gioielli africani antichi.

Madame M's illustrations: on the left, Eudoxie's portrait - on the right her autoportrait

This summer's essential?
A long skirt associated to a basic t-shirt.

A mistake never to make.
Not daring to dress as you like because of your morphology. XS and XL bloggers give the daily proof than you can be stylish and fashionable.

Your Motto?
Before going shopping, always going to look at my mother's vintage things. But I often make the two things at the same time.

A boutique in Paris?
It will sound strange, but I don't go into any Parisian store when I come to Paris. I spend too much time to the cafés or the restaurants' terraces to chat with my friends savoring cakes. My preferred addresses in order to chat about fashion are:
Rose Bakery 46, rue des Martyrs 75009 Paris
American Breakfast 17, rue des Ecoles 75005 Paris
As a matter of fact, if I go into some boutique… after having eaten enjoying my meal, I head towards the boutique Isabel Marant (47, rue Saintonge 75003 paris) for the blouses and the tunics (after an cake's overdose, there are the only clothes in which I can fit), and also the boutique Repetto for the flat shoes (22 Rue Paix, 75002 Paris).

A French shopping website?
Le Vestiaire de Clé that I love.
Optimal quality basic clothes made in France that compose my dressing's base.

Merci Madame M!
www.madamemlamode.com

*****

L'indispensabile di questa estate?
Una gonna lunga associata ad una t-shirt basica.

Un errore da non fare mai.
Non osare vestirsi come si vorrebbe per colpa della propria morfologia. Le blogger XS o XL danno la prova quotidiana che ci si può vestire con stile ed essere nella tendenza.

Il tuo motto?
Prima di andare per negozi, sempre andare a guardare nelle cose vintage di mia madre. Ma faccio spesso le due cose contemporaneamente.

Una boutique a Parigi?
Sembrerà strano, ma non vado in nessun negozio parigino quando vengo a Parigi. Passo troppo tempo nei terrazzi dei cafés o dei ristoranti a chiacchierare con le mie amiche degustando dei dolci. I miei indirizzi preferiti per chiacchierare di moda sono:
Rose Bakery 46, rue des Martyrs 75009 Paris
American Breakfast 17, rue des Ecoles 75005 Paris
In realtà se vado in qualche boutique... dopo avere mangiato con appetito, mi dirigo verso la boutique Isabel Marant (47, rue Saintonge 75003 paris) per le bluse e le tuniche (dopo un overdosi di torta, sono i soli capi in cui entro), e anche la boutique Repetto per le ballerine (22 Rue Paix, 75002 Paris).

Un sito di shopping francese?
Le Vestiaire de Clé che adoro.
Dei vestiti basici di ottima qualità fatti in Francia che compongono la base del mio guardaroba.




Friday, July 15, 2011

Shopping a Parigi con Anne di Chic&Geek


Anne, the unresistible Parisian blogger of Chic&Geek invited today on L'armadio for the French week, loves to talk about a terribly Parisian Paris with poetry and a touch of madness. In her blog, she brings her readers to discover the most beautiful Paris boutiques, so you should expect a lot of advices and good addresses.

Bonjour Anne, give me three adjectives to define the Parisian woman.

Speed (the city's rhythm influences her life)
Unconscious (she doesn't care about crosswalks and thinks that a smile will stop the car… it often works)
Audacious (she takes advantage of the city's anonymity)
Undecided (I add it because of all the answers that follow!)

What cannot be missing in a Parisian woman's closet?
A beautiful umbrella she forgets at home, a men's hat, scarves that she perfumes.

The everyday chic but simple outfit.
Difficult: the Parisian woman has the advantage of being allowed to many things and above all of not having an “everyday outfit”.
She goes to a vernissage in jeans and she wears a muslin dress when she makes shopping. Elle décale.
If she has beautiful shoes, everything is alright.
Anyway I'd say that the Parisian woman faces many things everyday, so her combat outfit, which changes according to the season, could be: jeans in which she feels at ease, a used-therefore-comfortable but well held pair of boots, a long enough and not tight sweater/t-shirt/ man shirt, a trench or a black or red jacket, or an ethnic poncho, or, or still… caught at the last moment depending on the mood or on the weather.
I probably should have answered “little black dress”, but I'm a Rive Droite Parisian.


*****

Anne, l'irresistibile blogger parigina di Chic&Geek invitata oggi su L'armadio per la settimana francese, ama parlare di una Parigi terribilmente parigina con poesia ed un tocco di follia. Nel suo blog, porta le sue lettrici alla scoperta delle boutique più belle di Parigi, e quindi aspettatevi ad una valanga di consigli e di buoni indirizzi!

Bonjour Anne, dammi tre aggettivi per definire la Parigina.
Speed (il ritmo della città influenza la sua vita)
Incosciente (non si cura dei passaggi pedonali e pensa che un sorriso fermerà la macchina... spesso funziona)
Audace (approfitta dell'anonimato della grande città)
Indecisa (lo aggiungo io, perché è mostrato da tutte le risposte che seguono!)

Che cosa non deve mancare nell'armadio della Parigina?
Un bell'ombrello che dimentica a casa, un cappello da uomo, dei foulard che profuma.

La mise chic ma semplice di tutti i giorni.
Difficile: la Parigina ha il vantaggio di potersi permettere molto e soprattutto di non avere di “mise di tutti i giorni”.
Va ad un vernissage con i jeans e indossa un vestitino di mussola per fare shopping. Elle décale. Posto che abbia delle belle scarpe, tutto va.
Direi comunque che la Parigina affronta molte cose nel quotidiano, così la sua mise di combattimento, che si adatta a seconda della stagione, potrebbe assomigliare a questo: dei jeans nei quali si sente bene, un paio di boots usati quindi comodi ma tenuti bene, una maglia / t-shirt / camicia di uomo abbastanza lunga e non stretta, un trench o una giacca nera o un giubbotto rosso, o un poncho etnico, oppure, o ancora... acchiappato all'ultimo momento a seconda dell'umore o del meteo.
Avrei probabilmente dovuto rispondere “vestitino nero”, ma sono una Parigina Rive Droite.


Your personal touch?
I rarely have things from the last collection therefore I'm not fashionable. I prefer vintage, or worse, the delay of one or two years. But vintage or not, I have always a touch of madness, something of unlikely… of bizarre. Most of the times this means peculiar shoes, but sometimes a sun umbrella or a cowboy hat, large vintage sunglasses (I'm allergic to the sun). Obviously never all this at the same time!
Lately I have found again a large silk kimono chocolate colored with rose flowers, so light, that I wear it as a “summery coat”, opened to the wind, over any cloth. It runs behind of me. I've been owning it from more than ten years and I do love it.
I'm faithful… in music, in cinema, literature or also in fashion. The first-time excitement exists, but for me it is less important than the familiar aspect. I appreciate more the things I know, I have domesticated and appropriated them. Sometimes you feel lost in Paris, and perhaps this is my way to find again myself, to reassure to me. Often a jewel is enough.

This summer's essential?
A perfume: the Parisian woman is perfumed. And a beautiful fan in the bag.
I'll say you in September what has been my summer's essential. I bet on a great vintage Hermès hat I found a short time ago. My winter's essential was an immense cashmere scarf with Ava Gardner "Delicious Freaks" print I used nearly every day.

A mistake never to make.
To be afraid of making some mistakes.
Believing that we never make any mistakes.
In the same way there are happy hazards, there are delicious mistakes too (other ones are catastrophic, but we always recover).

Your motto?
I don't have any. It's a pity though, I'll find one.
But I often repeat to myself I have to be nice with people, every people. In fact, it is egoistic: I'd like to be appreciated. Then I'd quote Beethoven: “I do not recognize other sign of superiority than goodness”.

*****

Il tuo tocco personale?
Ho raramente cose dell'ultima collezione quindi non sono alla moda. Preferisco il vintage, o peggio, il ritardo di uno o due anni. Ma vintage o meno, ho sempre un tocco di follia, qualcosa di improbabile... di bizzarro. La maggior parte del tempo sono delle scarpe che scintillano, stupiscono, ma a volte un ombrellino da sole o un cappello da cowboy di paglia, dei grossi occhiali vintage (sono allergica al sole). Mai tutto questo alla volta ovviamente!
Ultimamente ho ritrovato un grande kimono di seta color cioccolato fiorito rosa pallido, molto leggero, che indosso come “cappotto” estivo, aperto al vento, sopra qualsiasi cosa. Corre dietro di me. Ce l'ho da più di dieci anni e lo amo d'amore.
Sono fedele... in musica, come in cinema, in letteratura o anche in moda. L'eccitazione della prima volta esiste, ma per me è meno importante dell'aspetto familiare. Apprezzo ancora di più le cose che conosco, le ho addomesticate, me le sono appropriate. A volte ci si sente persi in Parigi, e forse è il mio modo di ritrovarmi, rassicurarmi. Spesso basta un gioiello.

L'indispensabile di quest'estate?
La scia di un profumo: la Parigina è profumata. E un bel ventaglio nella borsa.
Ti dirò a settembre quale sarà stato il mio indispensabile di quest'estate. Scommetto su un grande cappello a falda larga di camoscio Hermès vintage scovato poco fa.
L'indispensabile dello scorso inverno era un immenso foulard di cashmire stampato Ava Gardner "Delicious Freaks", che ho usato quasi tutti i giorni.

Un errore da non fare mai.
Avere paura di farne.
Credere che non ne facciamo mai.
Così come ci sono dei felici azzardi, ci sono dei deliziosi errori (altri catastrofici, ma ci riprendiamo sempre).

Il tuo motto?
Non ne ho. Peccato d'altronde, vorrà dire che me ne troverò uno.
Ma mi ripeto spesso di essere gentile, amabile con la gente, con tutta la gente. In realtà è una cosa egoista: vorrei che mi volessero bene. Allora citerei Beethoven: “non riconosco altro segno di superiorità della bontà”.


A boutique in Paris?
Chanel, rue Cambon, not to make shopping, but to err, like in a free museum.
Or all the Palais Royal ones, as if this place were the only Parisian store I can stand: garden in center and, under the arcades, corners to discover. In bonus, the small boutique of Rupert Sanderson, secret, hanging from above like a nest.

A French shopping website?
I have to be sincere, I rarely buy things at the starting price. I like online shopping, but also the old collections at lowered prices or vintage. I wake up early...
Private sales sites, bloggers or friends' sales, and my favourite e-shopping site, yoox, but it's Italian! Moreover my better secret bon plan is Josep Font's e-boutique, which sells his prototypes and its vintage dividing its prices by three… but it's Spanish!

However, apart from the price, to make a Parisian gift, Colette has a great selection, even if snob people snob it (Karl Lagerfeld continuous to go to Colette… so do I).
The bon plan are the sales before the sales with all at -50%.

But at the opposite, Yaya Store for example has a little online store that renders well that so peculiar atmosphere of the bohème boutique of rue Montmartre.

For the men, I just discovered Balibaris which is really elegant, little but so chic selection, and not too expensive. I bought a tie for my husband, happy surprise!

Today the majority of the French brands has online stores or they are preparing it, from Lanvin to Paul& Joe, passing for Vanessa Bruno, Kenzo, Hermès, Lacoste, Rykiel, Loft design by, Hector et Lola or Manoush.
The multibrands like Sarenza or Monshowroom which sponsor a lot of bloggers have a great choice, but they don't completely correspond to the Parisian spirit…



*****

Una boutique a Parigi?
Chanel, rue Cambon, non per farci shopping, ma per errare come in un museo gratuito.
Oppure tutte quelle del Palais Royal, come se questo posto fosse il solo negozio parigino che sopporto: giardino in centro e, sotto i portici, dei corner da scoprire. In bonus, la piccola boutique di Rupert Sanderson, segreta, agganciata sopra, come un nido.

Un sito Internet di shopping francese?
Devo essere sincera, mi capita raramente di comprare delle cose al prezzo di partenza. Mi piace lo shopping online, ma anche le vecchie collezioni a prezzi ribassati o il vintage. Mi alzo presto...
Fra i siti di vendite private, le vendite di usato delle blogger o delle amiche, e il mio sito di eshopping preferito, yoox, che però è italiano, sono messa male! Inoltre il mio migliore bon plan segreto è la e-boutique di Josep Font che rivende i suoi prototipi e il suo vintage dividendo i suoi prezzi per tre... ma è spagnolo!

Comunque, fuori dal prezzo, per fare un regalo che sia tipicamente parigino, la boutique di Colette ha una grande selezione molto accurata, anche se gli snob la snobbano (Karl Lagerfeld continua ad andarci... anch'io).
Il bon plan, sono i saldi appena prima dei saldi con tutto a -50%.

Ma all'opposto, Yaya Store per esempio ha un piccolo sito di vendita online che rende bene l'atmosfera così tanto particolare della boutique bohème della rue Montmartre.

Per gli uomini, ho appena scoperto Balibaris che è davvero elegante, selezione piccola ma molto chic e non eccessivamente cara. Ci ho ordinato una cravatta per mio marito, felice sorpresa!

Oggi la maggior parte delle marche francesi hanno dei siti di vendita online o lo stanno preparando, da Lanvin a Paul&Joe, passando per Vanessa Bruno, Kenzo, Hermès, Lacoste, Rykiel, Loft design by, Hector et Lola o Manoush.
I multimarche come Sarenza o Monshowroom che sponsorizzano un certo numero di blogger hanno una bella scelta, ma non corrispondono del tutto allo spirito parigino...




Wednesday, July 13, 2011

La moda parigina secondo Bulles d'infos


The French week goes on with Bulles d'infos, a Parisian blogger who writes in a marvellous way, with style, irony, but benevolence too. Bulles has a blog which is more cultural than fashionable, but she's also a stylish girl who'll talk about the true fashion followed by the stressed-Parisian-worker-mums but super nice too.

Bonjour Bulles, give me three adjectives to define the Parisian woman.
Hurried, over-loaded, and... under stress!

What cannot be missing in a Parisian woman's closet?
I would simply say basic clothes. Then it depends what we put behind this word. Spontaneously I think about: jeans, a well cut jacket, a nice blouse, a loose t-shirt, a V-neck sweater... and obviously a little black dress! (well, we also need the matching shoes).

The everyday chic but simple outfit.
Straight or slim jeans. Personally I don't invest a lot, I buy them at H&M or Zara. I wear them with a pretty top and a trench.

Your personal touch?
A pair of flat shoes of course! I'm passionate about dance and I think my addiction comes from that: I have the impression to be a dancer when I wear them. I regularly talk about them on my blog. I have every kind of flat shoes! For my birthday, I received a beautiful pair of Anniel with stars (first photo). I adore them! Recently I bought a made-to-measure pair on this site. My dream? A pair of Maloles.

*****

La settimana francese continua con Bulles d'infos, una blogger parigina che scrive in un modo meraviglioso, con stile, ironia ma anche benevolenza. Bulles ha un blog più culturale che modaiolo, ma è anche una ragazza molto stilosa che vi parlerà della vera moda che seguono le parigine-mamme-lavoratrici-stressate-ma super simpatiche.

Bonjour Bulles, dammi tre aggettivi per definire la Parigina.
Affrettata, stracarica e... stressata!

Che cosa non deve mancare nell'armadio di una parigina?
Direi semplicemente dei vestiti di base. Poi dipende di ciò che si mette dietro a questa parola.
Spontaneamente penso a: dei jeans, una giacca tagliata bene, una blusa simpatica, delle t-shirt loose, delle maglie con il collo a V... e ovviamente un tubino nero! (be', servono anche le scarpe che vanno con tutto ciò).

La mise chic ma semplice di tutti i giorni.
Dei jeans brut a taglio dritto o slim. Personalmente non investo molto, li compro da H&M o Zara. Li porto con un top carino: una maglietta o una t-shirt un po' lavorata e un trench.

Il tuo tocco personale?
Un paio di ballerine ovviamente! Sono un'appassionata di danza e penso che la mia dipendenza venga da là: ho l'impressione di essere una ballerina quando le porto. Ne parlo regolarmente sul mio blog. Ne ho di ogni genere! Per il mio compleanno, ho ricevuto un bellissimo paio Anniel con delle stelle (prima foto). Le adoro! Di recente, mi sono fatta fare un paio rosso su misura su questo sito. Il mio sogno? Un paio di Maloles.


This summer's essential?
Colours! I'm so fancy about coral I adopted on top. For Mother's day, I received a beautiful green Nat&Nin bag with a beautiful fucsia lining. I already had a red older one. Strangely I feel harder and harder to wear black bags, also in winter. I think a beautiful colorful bag makes an ordinary outfit interesting. This is true also for shoes, which are often the accessory giving that peculiar touch, and so I wear coloured flat shoes.

An error never to make.
Who can pretend to never have done any? Let's say a redhibitory thing is wearing items that are not made for one's own morphology (for exemple things that are too tight). Moreover, but this is above all towards me, I hate that the trace of the elastic of my underwear can be seen under my trousers or skirt/dress. It's a real lack of elegance, but that's only a personal point of view.

Your motto?
It's not very original, but with time passing, I would say “less is more”. It's true for the make-up too. When you don't know, it's better not to do much of it. I like the idea of a casual chic look, even if it ofter remains in my dreams.

A boutique in Paris?
It's a hard question because I'm not so faithful to boutiques, I'm more faithful to brands. I buy a lot of things online with the brands I know (for the sizes etc). But above all now I buy less, I make more attention because I don't like having over-filled closets (even if they actually are, unfortunately). The last boutique I loved at first sight is a children brand I recently discovered thanks to a friend. I fell in love with the flowered prints and the super pleasant fabric for the babies: I did something foolish for my daughter! Its name is TroiZenfants and I bought all the shop in the Abbesses in the 18e arrondissement during a private sale! I've seen they have boutiques in all France and other countries.

A French shopping website?
Nat&Nin for their beautif and not so expensive bags. They also have pretty clutches. The skin is of good quality, the colours are beautiful, the forms are pratical and fashionable and the details are well-groomed: www.nat-nin.fr

Merci Bulles d'infos!
bullesdinfos.fr

*****

L'indispensabile di quest'estate?
Del colore! Vado matta per il corallo che ho adottato in versione top. Per la festa della mamma, mi hanno regalato una magnifica borsa Nat&Nin verde con una bellissima fodera fucsia. Ne avevo già uno rosso più vecchio. Stranamente faccio sempre più fatica ad indossare delle borse nere, anche d'invero. Trovo che una bella borsa colorata renda interessante la mise più banale. Vale anche per le scarpe, è spesso l'accessorio che dà il tocco in più, e quindi porto delle ballerine di colori accesi.

Un errore da non fare mai.
Chi può pretendere non averne mai fatti? Diciamo che una cosa ributtante è portare delle cose che non sono fatte per la propria morfologia (che vanno strette per esempio). E poi, ma questo è soprattutto verso di me, odio che si veda la traccia dell'elastico della mia biancheria sotto dei pantaloni o gonna/abito. E' una vera mancanza di eleganza, ma è solo una mia opinione personale.

Il tuo motto?
Non è molto originale, ma con il tempo che passa, direi “less is more”. Vale anche per il trucco d'altronde. Quando non si sa, meglio non farne troppo. Mi piace l'idea dei look casual chic, anche se rimane spesso della parte dei miei sogni!

Una boutique a Parigi?
E' una domanda un po' difficile perché mi accorgo di non essere molto fedele alle boutique, lo sono a certe marche. Compro un bel po' di cose online con le marche che conosco (per le taglie ecc). Ma soprattutto da un po' compro di meno, faccio più attenzione perché non mi piace avere gli armadi troppo pieni (anche se è così purtroppo!). L'ultima boutique per la quale ho avuto un colpo di fulmine è una marca per bambini che un'amica mi ha fatto scoprire di recente. Mi sono innamorata delle loro stampe floreali e dei loro tessuti super piacevoli per i bimbi: ho fatto delle follie per mia figlia! Si chiama TroiZenfants e ho svaligiato la boutique delle Abbesses nel 18e arrondissement durante una vendita privata! Ho visto che hanno dei punti vendita in tutta la Francia e all'estero.

Un sito di shopping francese?
Nat&Nin per le loro borse belle e non molto care. Hanno anche delle clutch molto carine. La pelle è di buona qualità, i colori molto belli, le forme pratiche e di tendenza e i dettagli curati: www.nat-nin.fr

Merci Bulles d'infos!
bullesdinfos.fr




Tuesday, July 12, 2011

La Donna francese secondo Accro de la Mode


As I announced yesterday, this week we'll talk about French style with five French blogger invited on L'armadio del delitto!
Today Isabelle from Accro de the mode (she writes a blog about men fashion too, Men dpt). Isabelle designs girls (but also old women) whose look impressed her, and she explains with brio every outfit detail, with a lot of tips and useful links.


Come annunciato ieri, questa settimana si parlerà di stile francese con cinque blogger francesi invitate su L'armadio del delitto!
Oggi Isabelle, l'ineguagliabile illustratrice di Accro de la mode (ha anche un blog di moda maschile, Men dpt).
Isabelle disegna le ragazze (ma anche le donne anziane) di cui il look l'ha colpita, e spiega con brio ogni dettaglio della mise, con tanti trucchi e link utili.


Bonjour Isabelle, give me three adjectives to define the French woman.
SOBER in the use of colours
CONVENTIONAL in the choice of her looks
MEASURED in wearing her accessories.

What cannot be missing in a French woman's closet?
An Hermes scarf.

The everyday chic but simple outfit.
Jeans, a marine sweater or a white shirt, beautiful natural skin sandals.

Your personal touch?
A Basque in winter, ethnic necklaces in the summer.

This summer's essential?
Something in plissé soleil or something of lemon yellow.

An error never to make.
To follow fashion blindly.

Your motto?
La mode c'est bien, le style c'est mieux.
Fashion is fine, style is better.

A boutique?
Gago in Aix-en-Provence. A gold mine for every fashionista.

A French shopping Internet site?
frenchtrotter.fr (also for men).

*****

Bonjour Isabelle, dammi tre aggettivi per definire la francese.
SOBRIA nell'uso dei colori
CONVENZIONALE nella scelta dei suoi look
MISURATA nell'indossare i suoi accessori.

Che cosa non deve mancare nell'armadio di una francese?
Un foulard Hermès.

La mise chic ma semplice di tutti i giorni.
Dei jeans, una maglia blu marino o una camicia bianca, dei bei sandali di pelle naturale.

Il tuo tocco personale?
Un basco d'inverno, delle collane etniche d'estate.

L'indispensabile di quest'estate?
Qualcosa in plissé soleil o qualcosa di giallo limone.

Un errore da non fare mai.
Seguire la moda cecamente.

Il tuo motto?
La mode c'est bien, le style c'est mieux.
La moda è bene, lo stile è meglio.

Una boutique?
La boutique Gago a Aix-en-Provence. Una mina di oro per ogni modaiola.

Un sito Internet di shopping francese?
frenchtrotter.fr (anche per gli uomini).


Merci Isabelle!




Monday, July 11, 2011

Lo stile francese


They often ask me the question: what is French style? And I answer as I can, trying to explain a style and my culture's subtlety with a few words. Simplicity and nonchalance. And also imperfection. Imperfection is very important! Do you want the proof?

Take a French girl, indeed a Parisian girl. She has beautiful hair, but a bit messed up. She has make up, but so discreet. She's dressed well, but without logo, without anything too sexy, without a luxury bag. Now, let's comb her, put some more make up, shorten her skirt and give her a luxury bag. Pfiuuuuu the French girl disappeared! There is Kim Kardashian instead! Oh my god!

Want to make an other experiment? Take an other French girl and make her sincere compliments: ooooh I adore your dress! She'll answer you with a blasé air: this? Oh, it's old stuff (= I'm an intellectual who doesn't think about these futility, but I'm irresistibile without being it on purpose).

*****

Mi fanno spesso la domanda: che cos'è lo stile francese? E rispondo come posso, provando a spiegare le sottigliezze di uno stile e della mia cultura con poche parole. Semplicità e nonchalance. E anche imperfezione. Molto importante l'imperfezione! Volete la prova?

Prendete una Francese, anzi una Parigina. Ha dei bei cappelli, ma un po' spettinati. E' truccata, ma molto discretamente. E' vestita bene, ma senza logo, senza nulla di troppo sexy, senza borsa di lusso. Ora pettinatela, truccatela di più, accorciate la sua gonna e datele una borsa di lusso. Pfiuuuuu sparita la Parigina! A posto suo c'è Kim Kardashian! Accidenti!

Voglia di fare un altro esperimento? Prendete un'altra parigina e fatele un complimento sincero: ooooh adoro il tuo abito! Vi risponderà con l'aria blasé: questo? Oh, è una roba vecchia (= sono un'intellettuale che non pensa a questa futilità, ma sono irresistibile senza farlo apposta).


In fact, as I wrote to Torquemood some days ago, the French girl is “décalée” (wich meens “is slightly moved”), and it is the word explaining all of the French mentality: décalés outfits, décalé humour, décalé attitude, all is décalé. Indeed, Ines de la Fressange speaks about it in her book La Parisienne.

As I was preparing this post, I thought it would be nice to organize a French week on L'armadio. So I asked to five French blogger to advise on style and fashion, with a lot of super French shopping addresses: let's go with the French week with the first post tomorrow!

*****

In realtà, come l'avevo scritto a Torquemood l'altro giorno, la Francese è “décalée” (cioè “leggermente spostata”, con misura ed ironia), ed è la parola che spiega tutto della mentalità francese: abbinamenti décalés, umorismo décalé, atteggiamentoo décalé, tutto décalé. D'altronde Inès de La Fressange ne parla nel suo libro La Parisienne (la traduzione italiana è molto fedele a quella francese).

Preparando questo post, mi sono detto che sarebbe simpatico organizzare una settimana francese su L'armadio. Così ho chiesto a cinque blogger francesi di dare i loro migliori consigli di stile e moda, con un sacco di indirizzi di shopping super francesi, online o meno: via alla settimana francese con il primo post domani!


And to celebrate this week, here is a Parisian giveaway with a charmante Laure Mory's jewel to win! “Weak simplicity, fragile delicacy, imperfection's gracefulness” represents for me the French elegance, and I like to know Laure works listening to Gainsbourg and Bashung! I also asked her a couple of questions about the French woman's style.

- Give me three adjectives to define the French woman.
Glamour, malicious and inspired.

- The ideal outfit to match with one of your creations?
Jeans, timeless, an very low-cut XXL t-shirt, a chic and tight-fit jacket, indecent heels. A Charlotte Gainsbourg in the morning and a Déborah Grall at night.

How to partecipate to the giveaway?

1) Follow me on Bloglovin or Blogger and indicate in comment wich jewel of the category “Objet du désir” or “Classic Chic” you would like to win.
2) Want to leave a second, third or even a fourth comment? Just share the link to this post on Facebook, Twitter or on your blog!

The giveaway is open till Monday 18th July on 7PM, and the winner will be chosen with random.org.

And do not hesitate to tell me what do you think about French style!

*****

E poi per festeggiare questa settimana, un giveaway parigino con un gioiello della charmante Laure Mory da vincere! “Semplicità gracile, delicatezza fragile, grazia dell'imperfezione” dei suoi gioielli rappresentano per me l'eleganza francese, e mi fa simpatia sapere che Laure lavora ascoltando Gainsbourg e Bashung! Le ho anche fatto un paio di domande sulla donna francese:

- Dammi tre aggettivi per definire la francese.
Glamour, maliziosa e ispirata.

- La mise ideale per indossare una tua creazione?
I jeans, intramontabili, una t-shirt XXL molto décolletée, una giacca chic e che stia giusta, dei tacchi indecenti. Una Charlotte Gainsbourg al risveglio e una Déborah Grall la sera.

Come partecipare al giveaway?

1) Basta seguirmi su Bloglovin o Blogger e indicare in commento che goiello della categoria “Objet du désir” o “Classic chic” desiderate vincere.

2) Voglia di lasciare un secondo, terzo o anche quarto commento? Basta condividere il link a questo post su Facebook, Twitter o sul vostro blog!

Il giveaway è aperto fino a lunedì 18 luglio alle 19.00, e il vincitore sarà scelto tirando a sorte su random.org.
E poi non esitate a dirmi cosa pensate dello stile della francese!




Friday, July 08, 2011

Brioni's inspirations


Posted by
L'armadio del delitto




Thursday, July 07, 2011

Ermenegildo Zegna SS12

On-the-beach fashion, it’s cheerful but it’s a bit frightening. Maybe it's easier to be elegant on the asphalt, all pale? Ermenegildo Zegna made a super chic fashion show with the usual touch, just a bit retrò, on the sand in Milan last june. Before the fashion show, dancers, cocktails and palms.
Let’s have a closer look at the outfits.

La moda della spiaggia, è allegro ma fa un po' paura. Forse è più facile essere elegante sull'asfalto, tutto pallido? Sarebbe vero se non ci fosse Ermenegildo Zegna, che ha fatto sfilare degli uomini super chic con il solito tocco appena retrò sulla sabbia a Milano lo scorso giugno. Prima della sfilata, una performance con giochi d'ombra: ballerini, cocktail e palme.
Vediamo i look da più vicino.

Shorts wore in an elegant but relaxed way: next summer the time of fancy and easy-to-wear shoes will come.

Pantaloni corti portati in modo elegante ma rilassato: l'estate prossima sarà l'anno delle scarpe belle e facili da portare.

The “I’m beautiful during week-ends too” outfit, that will never go out of fashion.

Il look di “sono bello anche nel week end”, che non passerà mai di moda.

Do you like these shirts? I do, I believe they could be fine in Britain in a windy but sunny day.

Vi piacciono queste maglie? A me sì, le vedo bene indossate in Bretagna un giorno ventoso ma soleggiato.

The suit with a foulard, very Zegna. If you meet a man who knows how to wear it, marry him!

Il completo con foulard, molto Zegna. Se incontrate un uomo che lo sa portare, sposatelo!

The summer trench, wore with simplicity. If were just wondering what collection to start, you can collect trenches of any colour to match them with your pullover!

Il trench estivo, portato con semplicità. Se appunto vi stavate chiedendo quale collezione cominciare, potete collezionare i trench di ogni colore per abbinarli alle vostre maglie!

Mauve suit or sand suit?

Completo malva o completo sabbia?

The 2012 must? Going out dressed in pastel with a matching friend. Very photogenic!

Il must del 2012? Andare in giro vestito di pastello con un amico abbinato. Molto fotogenico!

Posted by L'armadio del delitto




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates 'Neuronic' by Ourblogtemplates.com

Back to TOP  

-->