Monday, November 12, 2012

Della difficoltà di farsi capire da un parrucchiere sordomuto


L’altro giorno, fra un vecchio film e una passeggiata al crepuscolo, telefonata alla mamma del delitto (per almeno un’ora ovviamente) che sembrava di ottimo umore. “Il tuo fratellino ha un taglio di capelli buffo, hehe, non gli sta bene per niente!” Divertita, ascolto la storia di come mio fratello ha deciso di farsi tagliare i capelli dal primo parrucchiere che capita, vicino a casa sua in Francia. Entra, saluta, il parrucchiere lo fa accomodare senza una parola, ed eccolo già con le forbici in mano! Hem, dice mio fratello, che è di origine africana e che quindi ha i capelli ricci, vorrei solo tagliare un po’, qualcosa di classico. Niente parola, ma grandi gesti rassicuranti (anzi, non così tanto) da parte del parrucchiere sorridente, e tac tac tac, taglia di qua, tac tac tac, taglia di là, e hop è finito! Oddio! Mio fratello ha lo stesso taglio del parrucchiere! E dei clienti che sono appena usciti! Ha ancora dei capelli sulla cima della testa, ma niente sui lati! E tutto il quartiere tranne mio fratello conosce questo simpatico parrucchiere marocchino sordomuto che taglia i capelli di tutti quanti nello stesso modo! 
Morale della storia: fate come la mamma del delitto e ridete tanto! 
.
L’autre jour, entre un vieux film et une promenade au crépuscule, coup de fil à maman del delitto (pendant au moins une heure bien entendu) qui semblait de fort bonne humeur. « Ton petit frère a une drôle de coupe héhé, ça ne lui va pas du tout ! » Amusée, j’écoute le récit de mon frère qui décide d’aller se faire couper les cheveux chez le premier coiffeur sur lequel il tombe. Il entre, dit bonjour, le coiffeur le fait assoir sans un mot, et le voilà déjà les ciseaux à la main ! Heu, dit mon frère, qui est d’origine africaine et qui a donc les cheveux frisés, je voudrais juste couper un peu, quelque chose de classique. Toujours pas un mot mais de grands gestes rassurants (enfin pas tant que ça) du coiffeur souriant, et tac tac tac on coupe par-ci, tac tac tac, on coupe par-là, et hop c’est fini ! ça alors ! Mon frère a la même coupe que le coiffeur ! Et que les clients qui viennent de sortir ! Il a encore des cheveux au sommet de la tête, mais rien sur les côtés ! Et tout le quartier sauf lui connaît ce sympathique coiffeur marocain sourd-muet qui coupe les cheveux de la même façon à tout le monde ! 
Morale de l’histoire : faites comme maman del delitto et riez de bon cœur !








Vestito e Cardigan Comptoir des Cotonniers (è là che trovo tutte le mie cose francesi pur essendo a Torino). 
Stivaletti Yin (sono le scarpe più comode del mondo)
Portamonete: marca giapponese che non esiste più
Buona settimana, viva mio fratello e i parrucchieri sordomuti! 

Robe et Gilet Comptoir des Cotonniers
Chaussures Yin (très confortables)
Porte-monnaie: marque japonnaise qui n'existe plus. 
Bonne semaine, vive les coiffeurs sourds-muets et petit frère del delitto !




17 commenti:

duecitti November 12, 2012 at 5:51 PM  

Un'esperienza bizzarra quella di tuo fratello! Hi hi hi! :-) Mi piace molto il tuo vestitino! :-)

Lens & anything Else November 12, 2012 at 6:24 PM  

io fossi in lui non ci riderei troppo su...mi capita spesso di uscire dalla parrucchiera e avere i lacrimoni perchè non mi piace il taglio eccc quindi non penso di essere la persona più adatta per riderci su in questi casi ;)!

p.s.= parlando di cose serie (...) , adoro le tue scarpe!!

Kylie November 12, 2012 at 6:30 PM  

Beh dai diciamo che in quella zona è un taglio molto di moda!

Bacio

L'armadio del delitto November 12, 2012 at 6:33 PM  

@ duecitti: lui è lo specialista delle avventure bizzare! Il vestito è di questa stagione, e quindi si trova ancora!

@ Lens&anything Else: aah ma anch'io piangerei se avessi capelli solo sulla cima della testa! Per un uomo è meno drammatico comunque, e mio fratello ha un bel po' di autoironia (ma sarà più bello quando avrà di nuovo dei capelli).
Metto queste scarpe spessissimo, infatti le puoi vedere in un sacco di post!

@ Kylie: ecco, è il taglio del momento nel suo quartiere!

labibu November 12, 2012 at 9:25 PM  

ahahaha oh mamma ma poverino!!!

che carino l'abito!!!

Little November 13, 2012 at 9:35 AM  

Seguo il tuo blog ma è' la prima volta che ti scrivo !
Bellissimo look !

www.littlefashionplace.blogspot.com

Donatella Pirotta November 13, 2012 at 12:04 PM  

che storia divertente! chissà come l'ha presa tuo fratello...speriamo ridendo pure lui! :)
Carina come sempre!
Donatella

http://www.touchthestyle.com/

Pupottina November 13, 2012 at 12:45 PM  

cara donna del delitto, se può consolare tuo fratello e far ridere di più tua madre, ti basterà sapere che il mio parrucchiere non è giustificato dall'essere sordomuto e quando gli dico che ho scelto un taglio, lui me ne fa sempre un altro... tanto che ho il terrore di tagliare i capelli...

Rosaspina Vintage November 13, 2012 at 2:17 PM  

Vabbe' dopo quello che mi hai raccontato domenica direi che questo e' proprio il minimo che gli potesse capitare :D
(ps - ho ritrovato il tuo vestitinooo!)

Rosaspina Vintage November 13, 2012 at 2:18 PM  

Vabbe' dopo quello che mi hai raccontato domenica direi che questo e' proprio il livello minimo di bizzarro che gli potesse capitare :D
(ps - ho ritrovato il tuo vestitinooo!)

Tati November 13, 2012 at 3:24 PM  

Adoro questi due colori assieme! Quanto mi manca Comptoir...hanno fatto sparire l'unico corner che c'era dalle mie parti :-(

Meggie a pois November 13, 2012 at 3:32 PM  

Beh beh... una bella avventura! E dire che tanti parrucchieri fanno sempre quello che vogliono, pur non essendo sordomuti!
Tu sei sempre deliziosa!

Sophie LaRIVIERA November 13, 2012 at 5:00 PM  

Oh, quelle est drôle cette histoire ...
Mon Hôm ne se risquerait jamais à ce genre d'expérience...il ne va que chez les coiffeur que j'ai testés moi-même...donc je suis la seule à prendre des risques capillaires !!
PS : nous sommes allés à Turin il y a quelques semaines. Résultat ? L'envie d'y retourner pour découvrir ce que nous n'avons pas eu le temps de faire !

L'armadio del delitto November 13, 2012 at 10:07 PM  

@ labibu: grazie!!!

@ Little: grazie mille!

@ Pupottina: brava!!! Sai leggere fra le righe, volevo proprio dire questo!

@ Rosaspina: ah sì, con mio fratello c'è sempre qualcosa di nuovo da raccontare! E lui ride di tutto, che carattere felice!

Il mio vestito!!!

@ Tati: oh come sono cattivi! Credo che ormai vendano online però.

@ Meggie a pois: eh sì, come dicevo a Pupottina, i parrucchieri generalmente sono sordomuti!

@ Sophie: tiens tiens, il est malin ton homme! Alors donc vous avez aimé Turin? Moi aussi quand je l'ai visité en touriste il y a 11 ans, j'ai eu envie d'y revenir. Je ne savais pas encore que le destin m'y mènerai définitivement!

friedenlinde November 15, 2012 at 2:52 AM  

ahah! povero il tuo fratellino, però la cosa che mi fa ridere di più è che nel quartiere hanno tutti lo stesso taglio - almeno è alla moda, ih ih!
Che carino questo abitino bordeaux!

Valentina November 15, 2012 at 11:44 PM  

Proprio bella...comunque ti consiglio di venire a Barcellona... cittá dove il vintage é arte!

V and S (zuckerfrei). November 16, 2012 at 8:44 PM  

Ahi ahi ahi! Allora anche in Francia bisogna stare attenti ai parrucchieri maledetti :P
Mi piace troppo il tuo vestitino. Colore fantasia...tutto!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

  © Blogger templates 'Neuronic' by Ourblogtemplates.com

Back to TOP  

-->